Ici, Mastella torna all’attacco del Governo

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ici, Mastella torna all’attacco del Governo

26 Giugno 2007

Mastella torna all’attacco del Governo, rilancia sull’ipotesi del taglio dell’Ici in Finanziaria e avverte: “Se dovesse fare orecchie da mercante sull’Ici ci penserà il Parlamento e non credo che nel Parlamento la sinistra avrà le buone ragioni per farcela, anzi”.<%2Fp>

“In una coalizione, e lo dico soprattutto alla sinistra di governo valgono tutti i voti e ognuno è determinante” ha aggiunto il ministro. E ancora: “Posso comprendere e accettare le loro battaglie ma non possono pensare che siano esclusive, ci sono anche indicazioni programmatiche”.

Al segretario del Pdci, secondo cui l’Ici non deve essere tolta a tutti, il ministro della Giustizia ha rispoosto in via indiretta dicendo: “C’è anche la famiglia media che nonostante non sia sotto la soglia della povertà qualche problema ce l’ha e se paga l’Ici in maniera accentuata rischia di finire sotto la soglia di povertà”.

Infine, Mastella paventa che dietro la decisione dell’Ue di indagare sull’esenzione dal pagamento dell’Ici di cui gode la Chiesa, si annidi l'”anticlericalismo”.

“Non vorrei che dietro questa decisione ci fosse una specie di anticlericalismo dell’istituzione europea, magari una specie di cultura economica”.