Fedriga Presidente

Il centrodestra trionfa anche in Friuli, debacle 5 Stelle

1
64

Ormai è fatta. Il trionfo del centrodestra è chiarissimo. Massimiliano Fedriga sarà il prossimo Presidente del Friuli Venezia Giulia raggiungendo quasi il 57% dei voti. La Lega risulta la prima forza politica per preferenze dei votanti col 34,85%. Avendo superato il 45% dei voti, il neopresidente avrà diritto al premio di maggioranza che gli permetterà di avere il 60% dei seggi al Consiglio regionale, ovvero 29 dei 49 da assegnare. Il centrosinistra arriva secondo con il 27% dei voti, mentre al terzo posto si classifica il candidato del Movimento 5 stelle con circa il 12% dei voti. In pratica la metà dei voti ricevuti alle politiche (dal 24 all'11,9 per cento). La lista 5 Stelle è infatti calata al 7,2 per cento, ben al di sotto di Forza Italia (12%). 

"Risultato impensabile, la Lega ha avuto la più alta percentuale della storia. Speriamo che serva anche a Roma", commenta a caldo il neo governatore che è anche segretario regionale leghista. "Non decido io" quale sarà il prossimo governo, ha aggiunto, "mi sembra tuttavia che i cittadini abbiano espresso chiaramente la loro volontà. Spero che scelgano loro e non qualcun altro".

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Scusate,
    Scusate,
    far dipendere successi trionfali (di una coalizione) come pure le sconfitte del pappagallo del pirata, dicevo far dipendere i risultati delle votazioni popolari da una massa ignorante, incompetente e facilmente manipolabile, è pura follia.
    Nei protocolli dei savi di Sion, si raccomanda di: diffondere per ogni dove l’idea del suffragio universale, cioè il diritto di voto popolare; in tal modo, i destini delle nazioni saranno lasciati nelle mani di una massa senza preparazione, senza competenze e perfettamente manipolabile (dai nostri agenti).
    È bene ricordare come la popolazione di Gerusalemme di 2000 anni fa, accolse trionfalmente il Cristo montato su un giumentino, la domenica delle palme.
    Ma, volubilità della volontà popolare, una settimana più tardi, la popolazione gridava contro lo stesso Cristo: “Crucifige ! Crucifige! “. E benchè il governatore romano avesse detto: “Mi lavo le mani del sangue di questo innocente”, Ebbene nonostante ciò, il popolo, abilmente influenzato dalla classe sacerdotale continuò: “Il suo sangue ricada su di noi e sui nostri figli !”
    Previsione che poi nel corso di secoli di storia risultò puntualmente realizzata contro certe gerarchie di nemici di Dio.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here