Home News Il consenso del Cav cala per colpa della crisi e delle proteste

Luna di miele

Il consenso del Cav cala per colpa della crisi e delle proteste

6
51

 

Quanto pesano la crisi economica e la protesta scolastica sul livello di consensi nei confronti del governo Berlusconi? Un bel po’. Quanto incide la manifestazione del Pd di sabato scorso? Zero.

Prima di vedere il perché, è necessaria una premessa: non siamo ancora alla fine della luna di miele, ma - per la prima volta da aprile - comincia a emergere qualche segnale di allarme per Palazzo Chigi. Una cosa è certa: in questi giorni il rapporto idilliaco tra il premier e gli italiani sta cambiando. Un rapporto che, a prescindere da qualsiasi protesta, è destinato in modo fisiologico a diventare più maturo e quindi più critico. E proprio per questo più costruttivo, perché il sentimento di stima illimitata, atteggiamento tipico nei confronti di un governo appena eletto, deve per forza di cose, con il passare del tempo,  trasformarsi in una fiducia condizionata al raggiungimento dei risultati.

La folla del Circo Massimo, al di là del solito balletto di cifre sulle presenze, è servita solo a drenare un po’ di linfa per auto-alimentare un’opposizione che rischiava di appassire in un angolo. Veltroni ha alzato la testa, ha riaffermato la sua leadership nel Pd, ma non è riuscito a convincere nessuno sulla reale capacità di compattare il suo partito intorno a proposte concrete per rilanciare il Paese. Dall’adunata romana sono arrivate solo accuse all’esecutivo. E in particolare, come avevamo previsto, l’ex sindaco della Capitale ha puntato l’indice sull’inadeguatezza del governo ad affrontare la crisi economica, cavalcando così i timori degli italiani per il futuro e addossando sulle spalle di Berlusconi molte responsabilità che in realtà non ha. Il leader del Pd, più che parlare alla testa e al cuore dei cittadini, ha parlato al loro portafoglio, sapendo bene che questa è la priorità in tempi di recessione. Gli italiani, però, non hanno bisogno di demagogia, ma di soluzioni vere ai loro problemi. La manifestazione del Partito democratico è risultata solo autoreferenziale, incapace quindi di strappare consensi a discapito della maggioranza.

Discorso diverso va fatto per la scuola: la riforma Gelmini è accompagnata da proteste, cortei e occupazioni. Berlusconi ha annunciato che non ci saranno ripensamenti e che il provvedimento sarà portato avanti con fermezza in Parlamento. Ma stavolta il decisionismo, finora tanto apprezzato dagli italiani, comincia a dare fastidio. L’effetto contestazioni, unito al relativo impatto mediatico, va a impensierire la luna di miele del Governo. Lo conferma l’ultimo sondaggio condotto dall’Ispo di Renato Mannheimer che ha rilevato una notevole contrazione del consenso per l’esecutivo guidato da Berlusconi nelle ultime settimane.

La percentuale di chi dichiara di valutare positivamente l’operato del Governo è scesa al 40%, a fronte del 60% degli inizi di settembre. Un calo vertiginoso che il famoso sondaggista imputa in gran parte alle turbolenze in atto, appunto, nella scuola e nelle Università. Per la prima volta, sottolinea Mannheimer, la percentuale di chi esprime un giudizio negativo risulta prevalente. L’opposizione non ha però saputo trarre vantaggio da questo trend. Anzi i già risicati consensi sono diminuiti ancora di più: dal 24% di giudizi positivi registrato a luglio, si è scesi al 20% di settembre, al 19% dei primi di ottobre, sino al 16% di oggi. La conclusione? C’è una vero e proprio calo di fiducia nei confronti di tutti gli attori politici, compreso il Cavaliere.

La protesta scolastica prima o poi si esaurirà e di conseguenza si assorbirà l’impatto sull’opinione pubblica. Ma alla base del calo di consensi c’è qualcosa di più radicato nei pensieri degli italiani: la crisi economica. La gente è preoccupata e chiede misure urgenti a sostegno dei redditi. Berlusconi lo sa e deve agire presto se vuole arginare la perdita di gradimento nei confronti del suo governo.

 

  •  
  •  

6 COMMENTS

  1. Il consenso cala perchè
    Il consenso cala perchè Berlusconi è stato eletto presidente perchè aveva promesso una diminuzione delle tasse! E’ inutile che adesso si dica che bisogna guardare il bilancio dello Stato; perchè allora ci avete racconatato questa bugia??! Solo per ottenere i nostri voti??!
    I tagli delle aliquote dovevano essere fatti immediatamente! Invece con la finanziaria del Min. Tremonti si è sbagliato obiettivo; ha preso provvedimenti come la Robin Tax che non aiutano minimamente noi elettori!

  2. Ai sondagi? Non ci credo.
    Non credo ai sondagi e per questo non condivido quanto affermato che il consenso degli italiani, nei confronti del governo Berlusconi sia sceso al 40%. Anche se così fosse, sarebbe un risultato molto soddisfacente. Berlusconi ed i suoi ministri, stanno affrontando una situazione cancrenosa che si trascinava da moltissimi anni, perchè i governi che si sono succeduti hanno sempre rimandato le patate bollenti ad altri. In fin dei conti rimane sempre un sondagio. Si sta contestando tutto quello che si muove. Posso capire che qualcosa non va. Ma è possibile che tutto quello che è stato posto sul tappeto dal premier, non ne va bene una? E’ sicuramente la crisi finanziaria a determinare un certo stallo, non certamente le proteste possano mettere in cattiva luce l’attuale governo.Veltroni, grande chiacchierone, in quanto ha stimato che i manifestanti al Circo Massimo erano due milioni e mezzo. Nulla di strano che abbia fatto la moltiplicazione dei pesci.

  3. Veltroni non è solo
    14 ottobre 2007: io c’ero, e con me tutto il popolo delle primarie. /
    13 aprile 2008: io c’ero, e con me tutto ciò che restava del centrosinistra. /
    25 ottobre 2008: io c’ero, e con me tutta l’immensa folla del Circo Massimo. /
    No, Veltroni non è solo: forse è male accompagnato…

  4. Beh, un altro sondaggio dà
    Beh, un altro sondaggio dà il gradimento del Governo al 50 e rotti per cento. Tra l’ ltro l’IPSO di Mennheimer non ci ha preso nè alle ultime, nè alle penultime elezioni. Quindi…

  5. Consenso al governo
    A parte il fatto che ho letto sondaggi di gradimento al Governo Berlusconi che vanno dal massimo del 70% ad un minimo del 45%, perciò c’è da mettersi d’accordo su quali criteri di valutazione è stata impostata la ricerca. Comunque. Credo, se di flessione si tratta, che non è sulla scuola e l’università che debba concentrarsi la preoccupazione dell’esecutivo quanto sui problemi economici e sociali. Mi pare che già un commento precedente ha posto il problema e sono convinto che Berlusconi debba puntare,-anche in mezzo alla bufera pretestuosa della sinistra sulla scuola-, su fisco e agevolazioni alle famiglie. E’ qui che si gioca la durata della “luna di miele” con i cittadini. Sul fronte dell’istruzione una volta approvato il decreto scuola, i fatti faranno vedere che nessun maestro va casa e che, ad esempio, il tempo pieno sarà potenziato. L’ostruzionismo che fa la sinistra in parlamento è finalizzato alla speranza che il governo ceda per poi cantare vittoria! e lasciare tutto come prima. Sull’università semmai,il Governo deve stare attento a non inquadrare l’azione solo sui tagli quanto a non penalizzare quegli istituti che lavorano e producono positivamente e centrare gli sforzi sulla qualità e valorizzazione dell'”esistente produttivo”. Dovrebbe, il Ministro Gelmini, intensificare corridoi preferenziali con chi ha proposte positive che non siano piazzate e slogan fini a se stessi.

  6. Consenso al governo
    A parte il fatto che ho letto sondaggi di gradimento al Governo Berlusconi che vanno dal massimo del 70% ad un minimo del 45%, perciò c’è da mettersi d’accordo su quali criteri di valutazione è stata impostata la ricerca. Comunque. Credo, se di flessione si tratta, che non è sulla scuola e l’università che debba concentrarsi la preoccupazione dell’esecutivo quanto sui problemi economici e sociali. Mi pare che già un commento precedente ha posto il problema e sono convinto che Berlusconi debba puntare,-anche in mezzo alla bufera pretestuosa della sinistra sulla scuola-, su fisco e agevolazioni alle famiglie. E’ qui che si gioca la durata della “luna di miele” con i cittadini. Sul fronte dell’istruzione una volta approvato il decreto scuola, i fatti faranno vedere che nessun maestro va casa e che, ad esempio, il tempo pieno sarà potenziato. L’ostruzionismo che fa la sinistra in parlamento è finalizzato alla speranza che il governo ceda per poi cantare vittoria! e lasciare tutto come prima. Sull’università semmai,il Governo deve stare attento a non inquadrare l’azione solo sui tagli quanto a non penalizzare quegli istituti che lavorano e producono positivamente e centrare gli sforzi sulla qualità e valorizzazione dell'”esistente produttivo”. Dovrebbe, il Ministro Gelmini, intensificare corridoi preferenziali con chi ha proposte positive che non siano piazzate e slogan fini a se stessi.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here