Home News Il jihad di Al Qaeda passa anche per l’Algeria

Il jihad di Al Qaeda passa anche per l’Algeria

0
2

Una prima autobomba è esplosa vicino alla Corte Suprema nel sobborgo di Ben Aknoun, un quartiere di Algeri molto sorvegliato perché sede di diversi importanti edifici pubblici, ed ha investito anche un autobus che trasportava studenti universitari. La seconda esplosione è avvenuta di fronte alla sede dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati nel quartiere Hydra, una zona residenziale considerata tra le più sicure della capitale, uccidendo tra l’altro oltre dieci impiegati algerini delle Nazioni unite. Le vittime complessive dei due attentati sono di certo diverse decine, secondo fonti ospedaliere non ufficiali oltre 62.

L’attentato è estremamente grave per due ordini di motivi. In primo luogo è il più sanguinoso attentato in Algeria dai tempi della guerra di indipendenza, che segna il culmine di una serie di attacchi che hanno ucciso ogni volta decine di persone. Rappresenta quindi il segno tangibile della crescente capacità dei gruppi terroristi algerini di colpire massicciamente senza alcuna distinzione tra civili e militari. In secondo luogo le autobomba non hanno investito un posto di blocco della polizia in un quartiere a rischio, o una caserma dell’esercito nel deserto maghrebino: hanno colpito in due delle aree più controllate della capitale, a pochi passi da un’importante istituzione nazionale e da una rappresentanza dell’Onu. Il messaggio non poteva essere più chiaro: non esistono luoghi sicuri in Algeria, né per i suoi ricchi borghesi, né per i suoi leader politici, né per i funzionari delle organizzazioni internazionali che vi operano. Tutto ciò testimonia ancora una volta quanto il presidente Bouteflika abbia perso il controllo del territorio, presidente che ha visto un’altra autobomba esplodere proprio durante la sua visita nella cittadina di Batna a settembre, ed uccidere 22 algerini.

Quanto al significato dell’attentato nel più ampio quadro mediorientale, esistono almeno due chiavi di interpretazione, non necessariamente contrapposte tra di loro. Da un lato la rivendicazione via internet del gruppo “Al-Qaeda per il Maghreb Islamico” induce a collegare l’attentato all’azione globale del terrorismo islamico. La scelta dell’undicesimo giorno del mese ricorda inoltre l’11 settembre di New York, l’11 Marzo di Madrid, e l’11 aprile del 2004 che ha visto 33 persone morire ad Algeri per l’esplosione di due autobomba, attacco rivendicata dallo stesso gruppo. Difficilmente tale sequenza può essere attribuita al caso. Come nota oggi un articolo dell’International Herald Tribune, dopo un apparente indebolimento dell’organizzazione dovuta alla dura repressione militare, “il gruppo ha compiuto uno sforzo per affermarsi come parte del Jihad islamista globale e ora riceve sostegno dall’esterno dell’Algeria (…) dalla regione di confine tra Afghanistan e Pakistan e dall’Iraq (…)”. A confermare il carattere transnazionale della rete terroristica, e la strategia di guerra asimmetrica mondiale, lo stesso articolo afferma che “i funzionari dell’antiterrorismo sono preoccupati per gli sforzi di Al-Qaeda per il Maghreb Islamico di reclutare fondamentalisti islamici fuori dai confini dell’Algeria per addestrarli in campi in Nord Africa e utilizzarli per attentati nel paese”.

D’altro canto la serie di attacchi terroristici è la conseguenza dello scontro che attraversa il paese ormai da 15 anni. Da quando le Forze Armate annullarono le elezioni legislative, che nel dicembre del 2001 avevano visto l’affermazione del Fronte Islamico di Salvezza, per impedire l’arrivo al governo del partito islamista, il paese ha vissuto sotto la dittatura della giunta militare e in uno stato latente di guerra civile tra i militari e i militanti islamici. Boutlefika è al potere dal 1999, e durante il suo mandato la violenza politica, gli attentati e le azioni militari si sono alternate senza condurre a una stabilizzazione del paese. Non vi è dubbio che quest’ultimo attacco si inquadri nel contesto politico nazionale, e come nota Le Figaro di oggi “il duplice attentato ha luogo nel momento in cui il Fronte di Liberazione Nazionale del primo ministro Belkhadem (…) lancia un’offensiva per imporre una revisione della Costituzione per permettere al presidente Boutlefika di ottenere un terzo mandato nell’aprile del 2009”.

Probabilmente la dimensione jihadista internazionale e le radici nazionali dell’azione terrorista non sono in fondo che le due facce della stessa medaglia. La giunta militare algerina non solo ha invalidato le elezioni del 1991 per impedire la vittoria degli islamisti, ma 10 anni dopo, nella cosiddetta “primavera nera” del 2001, ha sparato sulla folla di un milione di persone che manifestava pacificamente nelle strade di Algeri per chiedere libertà, diritti civili, vere elezioni. In una società come quella algerina ingabbiata nella censura e nella repressione della dittatura militare per più di 15 anni, e privata di ogni credibile prospettiva politica di transizione democratica, è naturale che la predicazione islamista per la lotta armata trovi un terreno più che fertile. Non ha caso l’organizzazione terrorista che ha rivendicato l’attentato è nata nel 1998 con il nome di “Gruppo Salafita per il Combattimento e la Preghiera” e solo nel 2006, come nota sempre l’IHT odierno, “Al Qaeda sceglie il gruppo come suo rappresentante in Nord Africa. In gennaio il gruppo cambia denominazione in Al Qaeda per il Maghreb Islamico, rivendicando di averlo fatto su richiesta di Bin Laden”. Un ennesimo esempio di come la rete di Bin Laden sfrutti i gruppi nazionali che per diverse motivazioni interne sono disposti a fare network per colpire i governi arabi o gli interessi occidentali in Nord Africa e Medio Oriente.

La strage di Algeri può essere considerata parte della stessa guerra asimmetrica condotta dal terrorismo islamico a Baghdad, Kabul, Djerba, Londra e Madrid. Inoltre la concomitanza con l’attentato che questa mattina a Beirut ha ucciso il generale François al-Hajj, artefice della vittoria dell’esercito libanese contro i guerriglieri islamici di Fatah al-Islam nel campo profughi palestinese di Nahr el-Bared, sebbene non provi assolutamente una relazione organica tra i due teatri mostra drammaticamente come l’azione dei vari gruppi terroristi non si limiti all’Iraq presidiato dagli americani, ma interessa anche le ex colonie francesi. E’ altrettanto plausibile che ogni gruppo terrorista tragga forza e sostegno dalla disperazione sociale delle popolazioni che vivono in paesi senza prospettive né di benessere economico né di libertà politica e civile. Finché questa situazione ristagnerà dal Maghreb all’Indukush, attentati come quello di Algeri saranno tutt’altro che rari.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here