Home News Il muro di Trump in Scozia e la bandiera del Messico

Tutte le news

Il muro di Trump in Scozia e la bandiera del Messico

0
5

Il New York Times continua a punzecchiare il presidente Trump, l'ultima è la storia di un muro, non quello promesso al confine con il Messico, ma già alzato da Trump in Scozia. Muro che serve a perimetrare il campo da golf proprietà del miliardario newyorkese, inaugurato, il campo da golf, nel giugno scorso, quando il Don invitava a votare Brexit. Pare che le recinzioni abbiano provocato una serie di liti condominiali, con i vicini che si lamentano perché gli sarebbe stata tolta la vista del mare, altri invece avrebbero risposto picche alla proposta di Trump di vendergli la loro terra.

Il NYT racconta di David e Moira Milne, che accusano Trump di avergli espropriato parte del loro garage, sollevando una rete metallica, e di avergli presentato anche regolare fattura sulle spese da dividere, quattromila dollari. Per ripicca, i coniugi hanno issato la bandiera messicana sul pennone inchiodato al tetto della loro casa di legno. Un'altra sventola nel giardino di Michael Forbes, anche lui tra i vicini di Trump in Scozia. Forbes si è rifiutato di vendere la casa a Trump, issando anche lui la bandiera messicana. Oltre a manifesti di Hillary for President.

Gli abitanti della cittadina scozzese dove sorge il campo da golf hanno anche accusato Trump di non aver portato tutto quel lavoro e investimenti che aveva promesso, anch se un centinaio di nuovi posti di lavoro sono arrivati insime a qualche decina di milioni di dollari. Pare anche che la Trump International Golf Links non navighi proprio in acque prospere, avrebbe incassato solo 1,36 milioni di dollari solo lo scorso anno. Così, mentre David Milne commenta: "Quel Trump deve avere una sorta di fissazione con i muri, cara", il NTY chiosa "Moira tace e annuisce".

Solo una cosa non torna nella telenovela: quanto è patriottico sventolare la bandiera di uno Stato, il Messico, che ha gravissimi problemi di lotta alla criminalità, alle narcomafie, ai cartelli, di corruzione e gestione di un fenomeno migratorio incontrollato? Ma gli antitrumpisti, di solito, non fanno a caso a contraddizioni come questa. Tanto più se hanno un problema di condominio. 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here