Il pallone hi-tech della FIFA che segnalerà il fuorigioco ai mondiali

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Il pallone hi-tech della FIFA che segnalerà il fuorigioco ai mondiali

Il pallone hi-tech della FIFA che segnalerà il fuorigioco ai mondiali

01 Luglio 2022

Fare errori sul fuorigioco sarà completamente impossibile ai mondiali che si svolgeranno in Qatar il prossimo inverno. L’anima hi-tech del pallone dei mondiali, che si chiamerà Rihla, sarà connessa a un sistema di telecamere ottiche e alla sala VAR. Il feedback sarà praticamente istantaneo, come accade per la goal-line technology.

Al centro della sfera da gioco si inserirà un sensore IMU (Inertial, Measurement Unit) che invierà i dati alla centrale operativa video 500 volte ogni secondo. Per realizzarla, la FIFA si è avvalsa della collaborazione con le Università di Melbourne e Zurigo.

Pierluigi Collina sul pallone dei mondiali

“Il fuorigioco semi-automatico col “500 Hertz Ball” sarà valutato solo nei casi di possibile fuorigioco attivo”, ha annunciato Pierluigi Collina presidente della Commissione Arbitri della FIFA. Negli altri casi, tuttavia, la squadra arbitrale eseguirà le proprie valutazioni come oggi. “L’ultima parola spetterà sempre all’arbitro: non si trasformerà mai in un robot”, ha spiegato Collina.

Con il VAR già erano ridotte al minimo le situazioni di errore sulla valutazione geografica del fuorigioco. Questa innovazione inciderà, infatti, nella rapidità di comunicazione e decisione. “Oggi, la media di attesa è di circa 70 secondi: troppi. I nostri test hanno dimostrato che il fuorigioco semi-automatico riduce questo tempo a 20, 25 secondi al massimo”, ha dichiarato l’ex arbitro italiano che rimane ambizioso: “noi pensiamo che tutto sarà ancora più svelto”.

L’attuale tecnologia impone l’utilizzo di un elevato numero di telecamere, fattore che potrebbe ostacolarne la diffusione nelle manifestazioni calcistiche meno floride economicamente. Collina ne è consapevole, ha spiegato infatti che stanno “lavorando per mettere a punto una tecnologia che richieda non più di due o tre telecamere”.