Il politicamente scorretto alla frutta, arrivano i “nazisti buoni”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Il politicamente scorretto alla frutta, arrivano i “nazisti buoni”

Il politicamente scorretto alla frutta, arrivano i “nazisti buoni”

30 Aprile 2022

Siamo nell’Italia del 2022, un conflitto si sta abbattendo sul Continente dopo decenni di pace e stabilità e dalle pagine del Fatto Quotidiano apprendiamo che Massimo Fini ritiene che, nel corso della Seconda Guerra Mondiale, l’esercito tedesco tenne un comportamento corretto nell’occupazione dell’Italia. Un’operazione, questa di Fini, che non può che essere definita quantomeno revisionista. Come se fosse possibile parlare seriamente di “nazisti buoni”.

A una tale provocazione non ha potuto non rispondere Ruth Dureghello, presidentessa della Comunità Ebraica di Roma.

 

Una tale dichiarazione non poteva che scatenare quantomeno lo sgomento dell’opinione pubblica e politica. Fini, infatti, scrive che al netto degli orrori commessi a Marzabotto e Stazzema, le SS non possano essere accusate di ulteriori brutalità. Inoltre, rincara la dose affermando che, piuttosto, l’occupazione del territorio italiano non avvenne ad opera tanto dei tedeschi, quanto degli Alleati. Pur di parlare male dell’Occidente, alcuni dicono di tutto. Sono parole che non possono che lasciare sgomenti, a neanche una settimana dai festeggiamenti del 25 aprile.