Il tempo di Sartori

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Il tempo di Sartori

19 Giugno 2006

I mostri sacri e i grandi maestri non ci fanno di solito alcuna impressione. Specie quando la loro fama è autoproclamata e fatta valere dalla voce grossa e da cattive maniere.

Per questo teniamo in poco conto le invettive di Giovanni Sartori e di norma sorvoliamo sul suo baccaiare contro questo e contro quello, sulle sue piccole e grandi bugie, sulle sue gaffes.

C’è un tratto di toscana irascibilità nei suoi modi di fare che funziona in tivvù e che qualche volta lo rende persino simpatico.

Poi ci sono le volte che Sartori si mette contro se stesso, contro il suo curriculum di studioso, contro la sua storia, e allora ci viene voglia di dirglielo chiaro. Definire i firmatari dell’appello di Magna Carta per il Sì al referendum come ”nani e ballerine” e sostenere che i costituzionalisti che lo hanno promosso sono “di seconda e anche terza fila” ci sembra al di fuori di qualsiasi canone di discussione e fa torto prima di tutti a lui stesso.

Non ci muove dunque una volontà di replica