Il Tesoro pronto a vendere tutta la sua quota di Alitalia

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Il Tesoro pronto a vendere tutta la sua quota di Alitalia

22 Maggio 2007

Il Tesoro potrebbe vendere l’intera quota del 49,9% di Alitalia, e non solo il 39,9%. Questo quanto si legge nella lettera di procedura con cui si comunicano ai potenziali acquirenti di Alitalia contenuto e modalità di presentazione delle offerte vincolanti da presentare al Ministero dell’Economia.
“Il ministero – si legge nella lettera – cederà, su richiesta dell’acquirente selezionato, le residue n. 138.958.598 azioni ordinarie di Alitalia detenute, rappresentative di una partecipazione pari a circa il 10% del capitale sociale di Alitalia. Qualora tale ultima partecipazione – prosegue il testo – non fosse ceduta nell’ambito della procedura, il ministero si impegnerà a non aderire all’offerta pubblica di acquisto conseguente all’acquisto delle azioni e a gestire la stessa alla stregua di un operatore economico privato”. La lettera conferma anche il calendario previsto, con la possibilità di accedere alla data room a partire dal 24 maggio, anche se il ministero si riserva il diritto di modificare i termini o le date della data room dandone tempestiva comunicazione scritta. Durante il periodo di apertura della data room sarà inviata ai partecipanti una bozza del contratto di compravendita ed entro e non oltre 15 giorni i partecipanti potranno inviare i propri commenti al testo evidenziando le modifiche allo stesso che riterranno opportuno proporre.