Il tonfo della legge elettorale non scalfisce la Borsa di Milano

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Il tonfo della legge elettorale non scalfisce la Borsa di Milano

08 Giugno 2017

Il patto sulla legge elettorale si rompe, il “fianellum” viene bocciato alla Camera dei Deputati e che succede a Piazza Affari? Niente di traumatico a quanto pare, anzi, la Borsa di Milano oggi ha chiuso in testa agli altri listini europei, in attesa di capire come andranno anche elezioni in Gran Bretagna. L’indice Ftse Mib (+1,46% a 21.042 punti) si e’ riportato sopra quota 21.100 punti per la prima volta dallo scorso 29 maggio. La Borsa italiana oggi era partita senza particolare variazioni, ma nel corso della seduta, proprio mentre la legge veniva bocciata alla Camera, gli acquisti hanno preso a salire. Soprattutto nel comparto della banche e del risparmio gestito. Insomma, la bocciatura del “fianellum” a quanto pare viene letta come un elemento di stabilità?