Home News Il turismo, nel tempo dei social network, si programma in rete

l'Occidentale Abruzzo

Il turismo, nel tempo dei social network, si programma in rete

0
2

Il potere di internet colpisce ancora, dimostrando l’indispensabilità di una presenza costante e di “sapersi vendere” in rete, perché il cyberspazio è il primo luogo ormai dove si recano i curiosi, a caccia d’informazioni su qualsiasi potenziale argomento d’interesse. Ammettiamolo, se un tempo la “strategia turistica” si basava su scatti accattivanti, brochure da viaggio, lucide e patinate da sfogliare per volare con la fantasia su qualche spiaggia caraibica fra pesci, barriere coralline e noci di cocco, “ last minute” pubblicizzati su cartelloni fuori dalle agenzie viaggi, oggi il marketing turistico ha completamente rivoluzionato tecniche,strategie ed aspettative.

Lo stravolgimento è dettato dall’estrema facilità con cui si accede alle guide da viaggio on- line,costantemente aggiornate. Basta digitare il solo nome di una location a centinaia di migliaia di chilometri, magari dall’altro capo del mondo, per veder comparire sul pc - quasi per magia - una miriade di voci con ogni dettaglio possibile ed immaginabile, tra foto, chicche, suggerimenti,diari e narrazioni di chi il viaggio lì l’ha già trascorso. E’ così che s’invita a nozze il  turista “fai da te” che sa viaggiare, spendendo poco. Se si vuole realmente lanciare un prodotto in maniera accattivante ed intelligente, il messaggio che compare,  fra le pagine web, deve essere chiaro e comprensibile.

Poche parole, immagini che incuriosiscano e  tanta sostanza, insomma, principi elementari di  ogni campagna pubblicitaria che si rispetti. E’ così che la Regione Abruzzo ha studiato un nuovo modo di pubblicizzare il suo brand turistico sul mercato internazionale, tramite  web e social network. L’idea è quella di lanciare sei nuovi siti internet interattivi, partendo da Gran Bretagna, Francia, Germania, Olanda, per approdare in seguito anche in Nord Europa, Svezia e Norvegia. Una formula di comunicazione più snella, semplice e poliglotta. Una modalità d’interfacciarsi con gli utenti molto più immediata, una sorta di formula di turismo “pret à porter”, che consenta alle meraviglie del “mare e dei monti d’Abruzzo” di circolare on-line fra il  maggior numero di utenti possibili.

Facebook, Twitter, Pinterest, Foursquare ed i più specifici Studivz (Germania), Skyrock (Francia) e Hyves (Olanda), si trasformeranno - per l’occasione - in agenzie viaggi, bacheche virtuali dove appuntare note e riflessioni, lanciare offerte ed  affiggere  frammenti fotografici che ritraggono gli angoli di un Abruzzo nascosto ed affascinante. I globetrotter lasceranno tracce dei propri diari di viaggio, potranno scambiare  utili consigli su luoghi da visitare, ristoranti ed hotel ed interagire col altri “naviganti” in tempo reale,da tablet e cellulari. “L’Abruzzo turistico - esordisce l’assessore al turismo Mauro Di Dalmazio - sta assumendo un approccio imprenditoriale, di comunicazione e promozione, sempre più in linea con le recenti strategie di social media marketing e orienta  le  proprie scelte anche in base ai cambiamenti di  comportamento del turista, che ricerca informazioni e  prenota il proprio viaggio sempre più spesso on line. Le nuove attività web 2.0 – continua l’assessore - sono un aspetto importante della strategia promozionale  del turismo in Abruzzo, in particolare per quel che concerne la valorizzazione dei territori montani nel programma Por -Fesr".

La regione offre insomma, un ampio ventaglio di attrattive per una fruizione turistica continua, 365 giorni l’anno. Si spazia dalla montagna al mare,dal total-relax nella natura alla chance di praticare attività sportive, per finire col percorso dedicato alle “buone forchette”, fra gusti e profumi dell’enogastronomia locale. Un interessante  sondaggio, condotto dal “Social Media Examiner”- magazine on line dedicato ai social media- ha rivelato che su 3800 operatori di mercato, il 94%  utilizza i social-media per azioni di marketing e che l’83% di queste sono state realmente  utili per creare opportunità di business, accrescendo  visibilità  e popolarità del brand e creando un filo interattivo di dialogo costante con potenziali  buyers.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here