In bilico la lezione di Faurisson a Teramo

0
99

Meno uno. L’annunciata (ma ormai sempre più improbabile) ‘lezione’ del negazionista Faurisson a Teramo dovrebbe svolgersi domani, 18 maggio. In realtà, lo scandalo suscitato dall’iniziativa ha già indotto il suo ideatore, Claudio Moffa, a ridimensionarne la portata, spostandola dalla sede ufficiale del Master da lui diretto, a quella più ‘privata’ del suo corso di lezioni, ove Faurisson dovrebbe essere ospitato. Ma anche così, pare sempre più improbabile che l’evento abbia luogo, e non si esclude che il Rettore, d’accordo con il Questore, visti anche gli annunciati movimenti di protesta, possa addirittura chiudere domani l’Università di Teramo, una bella e seria Università di provincia, che non meritava certo tanto scandalo.

Vero è che le iniziative di Moffa erano state notate da tempo: chi voglia farsi un’idea del suo virulento antisemitismo non ha che da andare sul suo sito, www.claudiomoffa.it. Anche conclamato è ormai, purtroppo, l’antisemitismo di certa sinistra radicale. L’invito a Faurisson rappresenta tuttavia un salto di qualità, che non può essere preso sottogamba, anche perché offre una pericolosa sponda al negazionismo dei fondamentalisti islamici, presenti come sappiamo anche in Italia.

Vano è il pretesto, invocato da Moffa e da chi ne difende l’iniziativa (vi sono - ahimé - anche nomi illustri) della ‘libertà d’isegnamento e di ricerca’. Come ha scritto Brunello Mantelli, promotore di un appello contro l’iniziativa che è stato sottoscritto da numerosissimi studiosi e testimoni della Shoah, attribuire patente di serietà storica a Faurisson (che oltretutto è solo un ex-professore di letteratura francese) “è come chiedere che ad insegnare geografia vadano persone convinte che la terra sia piatta”.

Aprire le porte dell’Università al negazionismo significa in effetti attribuirgli pericolosamente credenziali che esso non possiede: chi nega l’evidenza, viola le condizioni che rendono possibile partecipare alla discussione razionale. Non è un caso che nessuno storico serio accetti il contraddittorio con Faurisson e i negazionisti. La questione si chiuderebbe qui, se come detto essa non segnalasse un’escalation antisemita in Italia che deve suscitare una controllata ma ferma reazione.


  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here