Home News In Iran oramai il regime mette i padri contro i figli

Il meccanismo della "delazione"

In Iran oramai il regime mette i padri contro i figli

1
3

Ormai non passa più  giorno che agenzie di stampa, giornali,  media in rete e  televisioni  non diano notizie di scellerate violazioni dei più elementari  diritti umani, perpetrate in Iran a scapito di individui di ogni ceto, età, censo  ed appartenenza sociale.

Il che può rammaricare ma non ci sorprende,  perché sappiamo bene che da sempre  purtroppo i regimi totalitari utilizzano qualsiasi metodo  per difendere il sistema di potere e il governo da critici e oppositori. Anche quando questi  dissentano solo  in privato a tra le pareti di casa propria. Nessun limite viene posto ad operazioni di polizia o di corpi speciali se l’obiettivo è quello di  individuare e reprimere chi  protesta con voce fuori dal coro. Non ci si ferma neppure davanti alla dimensione privatissima della famiglia, che da sempre  rappresenta un microcosmo sociale di relazioni tra persone, su cui si modellano i rapporti più complessi tra cittadini, stato e istituzioni.

Nazisti e stalinisti erano soliti  ricattare madri e padri  per ottenerne delazioni a scapito di un cognato,  di un nipote o di altro parente stretto. Magari in cambio di sicurezza (comunque relativa  e condizionata) per un figlio. Simili metodi raggiunsero forme di ributtante degeneratezza con la Gestapo hitleriana, quando la repressione si spostò dagli oppositori politici e dai diversi,  alle minroranze etnico-razziali e religiose, ed  agli Ebrei in particolare. In alcuni Paesi dell’ex blocco sovietico, si è saputo anche di mogli affettuose e in apparenza devote che, per anni, hanno spiato per i servizi segreti anche il marito, riferendo discorsi fatti in casa tra loro due o con amici ed ospiti.

Qualcosa di simile accade oggi in Iran. Il regime di Khamanei ed Ahmadinejad usa i figli per spiare e fare pressioni sui genitori  (o viceversa), affidando a seconda dei casi il lavoro sporco ai coetanei della gioventù miliziana dei Basij, alle Guardie della Rivoluzione o direttamente ad agenti dell’Intelligence. Come quando di recente nella città di Qom, dopo averlo arrestato, hanno sequestrate passaporto, agende, lettere personali,  libri, compresi  il computer  ed  il ricevitore televisivo satellitare a  Mohammed Taqui Khalaji: una rispettata guida spirituale islamica poco tenera nei suoi discorsi contro il regime attuale. E per di più, reo di avere un figlio, Mehdi , che lavora come analista e commentatore  politico per  un istituto di studi sul Medio Oriente di Washington.

Due piccioni con una fava, in questo caso: con chissà quali pressioni subite dal padre per indurre il figlio a smettere di criticare la leadership iraniana con i suoi articoli sui media occidentali;  e con quali altre censure indirettamente così imposte al figlio, nel tentativo  di difendere il padre dalle accuse mossegli in base alle speciali leggi islamiche imposte da Khamanei e Ahmadinejad.  Che potrebbero  costare al genitore  persino  la sentenza capitale  per impiccagione, una volta dinanzi alla Corte speciale  per il Clero: un terrificane tribunale speciale che non ammette avvocati.

A tal punto è oggi arrivata in Iran la deviazione mentale del  clan  di governo, che non esita ad eccitare perversamente i giovani  ed a strumentalizzare il loro vulnerabile entusiasmo generazionale per bassi fini politico-religiosi. E’ questo uno  dei crimini di cui il regime degli Ayatollah  dovrà rispondere alla Storia e alle libere coscienze democratiche di ogni Paese. Insieme all’altro capo d’accusa epocale di incitamento al genocidio degli Ebrei ed alla distruzione di Israele.

Corrompere, comprare o istigare i giovani contro gli adulti, come si fa a Teheran, è un modo abietto di snaturare le normali dinamiche del conflitto generazionale: perché in questo caso il giovane-figlio invasato del Partito di Dio non contesta più l’adulto-padre in quanto tale, ma solo e miratamente quei padri e quegli adulti che vengono loro selezionati ed additati tra quanti nella lista nera del regime. Piaccia o no, è di questo che si tratta quando si mandano in piazza giovani indottrinati a colpire i dimostranti dell’Onda verde. O a minacciare le guide religiose che osano criticare il regime nelle riunioni per la preghiera del venerdi. E persino a spiare nelle aule universitarie quei professori  anche solo poco entusiasti delle recente  scelte politiche del governo.

Se però è vero, come ci hanno insegnato a scuola quando si studiava Educazione Civica, che  i rapporti  tra cittadini e stato nel corpo sociale sono in qualche misura simili ed  omologhi ai legami che intercorrono tra genitori e figli in seno al nucleo familiare, l’attuale aberrazione iraniana non potrà durare in eterno. Perché crescendo e maturando, anche i figli più riottosi giungono  a riconoscere la giusta saggezza dei padri. Così come i cittadini in crescita di consapevolezza prima o poi capiranno quello che oggi accomuna l’intolleranza di uno stato padre-padrone alla sanguinaria capacità aggregatrice ed al familismo amorale e mafioso di una cricca di potere.
 

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Armeni
    e Mussavi che cosa fa? Tutto questo ben di Dio lo merita un altro Presidente a differenza di Amadinajad.Tutti sogna di essere contro,la politica di Mussavi e’ dichiarata comunque forte e senza armi,mi pare che la critica sta per essere contro Mussavi,non e’ meglio che qualcuno del Libano lo sostituisca per mantrtenere a freno la loro condotta nel rispetto della polizia Rivoluzionaria?mi sembra molto piu’ giusto giacche’ non si vogliono armare.Eppoi questi cominciano aver troppo della Armenia.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here