Home News In Messico cresce la violenza. Si dimette Ministro

In Messico cresce la violenza. Si dimette Ministro

0
2

Il presidente messicano Felipe Calderon ha designato oggi un suo fedele alleato, l'ex-segretario alla presidenza Camilo Mourino, come nuovo ministro degli Interni.

Specificando che la sua azione politica sarà diretta innanzitutto ad impedire "l'infiltrazione del crimine organizzato nella vita politica del paese".

Ieri si era dimesso Francisco Ramirez Acuna, il terzo ministro che rinuncia all'incarico nell'arco di poco più di un anno di governo di Calderon, che aveva promesso l'utilizzo del pugno di ferro contro il crimine organizzato e il narcotraffico.

Ma negli ultimi mesi, segnalano analisti e stampa, la violenza non ha avuto limiti e gli assassini ed i regolamenti di conti fra narcotrafficanti (anche attraverso il macabro rito delle teste mozzate) sono aumentati in vari stati del Messico.

Ad esempio in Michoacan (Messico centro-occidentale), in cui da un anno è intervenuto l'esercito per cercare di arginare il narcotraffico, nelle prime due settimane del 2008 ben 24 persone sono sono state assassinate in relazione al crimine organizzato.

Emblematica infine la situazione della Baja California, dove la forte presenza delle forze dell'ordine nell'ambito della lotta al crimine organizzato non ha impedito che in appena due giorni siano stati assassinati tre ufficiali della polizia e cinque civili.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here