Iraq: Sadr minaccia ritiro dal governo

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Iraq: Sadr minaccia ritiro dal governo

16 Aprile 2007

Moqtada
al-Sadr oggi ritirerà ufficialmente i suoi ministri dal governo iracheno per sollecitare
la definizione di un calendario per il ritiro delle truppe americane da paese.

Lo
hanno rannunciato ieri alcuni esponenti del movimento di Sadr in una nota
ufficiale: “Dichiareremo il nostro ritiro dal governo, perché il primo
ministro non vuole stabilire un calendario per il ritiro delle forze straniere
dall’Iraq”. I ministri che fanno capo al leader sciita sono sei.

L’iniziativa
non provocherà la caduta del governo, ma farà salire la tensione all’interno
dell’Alleanza Sciita, il partito guidato dal premier Nuri al-Maliki. Maliki non
ha ancora risposto alle intenzioni di Sadr, ma nei giorni scorsi aveva
precisato di non vedere la necessità di un calendario per il ritiro delle
truppe internazionali, in primis quelle americane.