Isis, IDEA: “Rimandare il nostro ambasciatore in Egitto”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Isis, IDEA: “Rimandare il nostro ambasciatore in Egitto”

10 Aprile 2017

In una interpellanza presentata al Ministro degli Esteri e al Presidente del Consiglio i senatori Giovanardi, Compagna, Quagliariello e Augello (IDEA), pur sottolineando la doverosa e riconfermata volontà di arrivare a far piena luce sull’assassinio di Giulio Regeni, chiedono al governo che l’Italia non contribuisca ad isolare l’Egitto. L’Egitto è un baluardo della lotta contro il terrorismo nel Medio Oriente e nella Libia in preda al caos del dopo Gheddafi, e il rischio è di isolarlo non riallacciando normali relazioni diplomatiche con il ritorno del nostro ambasciatore al Cairo. Non basta infatti esprimere indignazione e solidarietà per gli attentati che hanno colpito quel Paese, e in particolare la comunità copta che in Egitto è sempre stata rispettata, attraverso la possibilità di manifestare liberamente la propria fede religiosa, ma è anche necessario rinviare il nostro ambasciatore al Cairo.