Isis, vademecum on line per attentati con i camion

Per una Primavera Demografica
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Isis, vademecum on line per attentati con i camion

06 Maggio 2017

Un vero e proprio vademecum on line su come procurarsi il camion giusto per uccidere il numero più alto di pedoni. È quanto apparso in Rete sull’ultimo numero della rivista dello Stato islamico (Isis), Rumiyah, come viene segnalato dal network televisivo americano Nbc. Le istruzioni per un lupo solitario, spiega Askanews, sono illustrate e scritte in lingua inglese.  

“Solo tattiche di terrore”, è il titolo dell’ultimo numero della rivista, segnalata quasi in contemporanea con un’ allarme su attacchi di autocarri lanciato alla polizia in tutti gli Stati Uniti dall’amministrazione per la sicurezza del trasporto. “Caratteristiche dei veicoli ideali” (“telaio e paraurti leggermente sollevati”, “pesante e di misura larga”, “veloce o con buona accelerazione), dove acquistare, rubare o affittare i camion e gli obiettivi ideali dove colpire: queste le principali istruzioni fornite dal “magazine” per un lupo solitario intenzionato a colpire.  

Tuttavia, la “strategia del camion” era stata già trattata, dalla rivista, con dovizia di particolari, nella pubblicazione del novembre 2016, in un articolo dal titolo inquietante: “I veicoli sono come coltelli”. Istruzioni che, purtroppo, stando ai fatti non sono cadute nel vuoto. Dopo Nizza e Berlino, l’ultima strage compiuta con questa tecnica in una capitale europea risale all’aprile scorso quando, nel pieno centro di Stoccolma, un camion è piombato sulla folla uccidendo quattro persone e ferendone dieci.

Proprio per questo, tutti gli stati europei hanno implementato le misure di sicurezza nelle strade. In particolare in Francia dove l’Isis si è fatta sentire lanciando un appello per  “uccidere Macron e la Le Pen” oltre che a fare vittime in prossimità dei seggi.