Israele, il governo valuta rilancio negoziati di pace

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Israele, il governo valuta rilancio negoziati di pace

31 Maggio 2007

È in corso una valutazione molto seria per rilanciare i negoziati di pace in MO. Una fonte del governo israeliano ha chiarito che non ci sono stati contatti diretti tra autorità israeliane e siriane, ma “che è in corso una valutazione molto seria”.

Ciò che si esamina è quello che Israele darebbe in cambio di un ritiro dalle Alture del Golan, la natura dei futuri rapporti bilaterali e se la Siria potrebbe prendere in considerazione di tagliare i ponti con Iran, Hezbollah e gruppi terroristici palestinesi.

Olmert ha recentemente ventilato l’ipotesi di un rilancio dei colloqui con la Siria in incontri a porte chiuse. “Il prezzo è chiaro. Potrebbe esserci un dibattito sui termini dei pagamenti, agevolazioni. Ma il punto principale è quello che riceverebbe in cambio”, ha affermato, “Riceverebbe la pace come con l’Egitto o un inganno: dateci il Golan e in cambio ci sarà un’alleanza tra Siria e Iran e il quartier generale di Hamas a Damasco”.

Olmert è stato persuaso a riesaminare il dossier siriano soprattutto dai numerosi avvertimenti sulla crescita dell’esercito di Damasco e il pericolo del dilagare delle ostilità nel Nord.

Intanto da fonti governative si fa sapere che “Olmert incontrerà il presidente Bush a Washington nel corso di una visita negli Stati uniti nelle prossime tre settimane”. E che in quell’occasione si parlerà di Iran e del dossier palestinese”. L’ultima visita del premier israeliano negli Usa risale a novembre scorso.