Israele/Vaticano: Nunzio partecipa ricordo Shoah

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Israele/Vaticano: Nunzio partecipa ricordo Shoah

15 Aprile 2007

Alle cerimonia che allo Yad
Vashem, il museo dell’Olocausto a Gerusalemme, aprira’ stasera
il Giorno della Shoah, non restera’ vuoto il posto riservato al
Nunzio apostolico mons. Antonio Franco.

E’ cosi’ rientrata la spinosa controversia che si era aperta
tra Israele e Vaticano in seguito alla decisione di mons. Franco
di assentarsi dalla cerimonia di commemorazione dei sei milioni
di ebrei sterminati dai nazisti, in segno di protesta per
l’esposizione nel Museo di una foto di Papa Pio XII con una
didascalia che il diplomatico vaticano ha ritenuto offensiva per
la Chiesa cattolica.

Interpellato dall’Ansa, mons. Franco ha confermato la
decisione di partecipare alla cerimonia, spiegando di aver
ottenuto lo scopo che si era prefissato, ”di richiamare
l’attenzione (del museo, ndr) sulla necessita’ di riconsiderare
il modo in cui Papa Pio XII e’ presentato”.

Di conseguenza, ha aggiunto, ”non ho motivo di tenere aperta
questa tensione e percio’ saro’ presente alla cerimonia”.

La decisione di mons. Franco e’ stata accolta con evidente
sollievo dallo Yad Vashem che, in un comunicato, ha detto di
ritenere che il Nunzio ”abbia fatto la cosa giusta”. ”Yad
Vashem – si afferma – ritiene che non sia appropriato legare una
questione di ricerca storica alla commemorazione delle vittime
dell’Olocausto”. Il Museo si e’ detto pronto a considerare ogni
ulteriore documento storico sugli atti di Pio XII all’epoca
della Shoah.