Istat, gli italiani non leggono ma vanno al cinema

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Istat, gli italiani non leggono ma vanno al cinema

Istat, gli italiani non leggono ma vanno al cinema

12 Dicembre 2007

Oltre 34 milioni di persone hanno visitato, nel 2006, i 400 luoghi di antichità e arte presenti nel nostro paese con un incremento del 4,4% rispetto al 2005.

Nel 2005 sono stati pubblicati 59.743 libri (+13,2% rispetto all’anno precedente), per un totale di circa 16,3 milioni di pagine. La tiratura complessiva è stata pari a oltre 261 milioni di copie.

Lo segnala l’Annuario statistico italiano 2007 dell’Istat che è stato presentato oggi. Nel 2007 il 64,2% della popolazione di sei anni e oltre è andata al cinema, a teatro, ad un museo, alla partita, in discoteca o a un altro intrattenimento fuori casa. Il cinema si conferma in cima alla preferenze; infatti il 48,8% della popolazione di sei anni e oltre e’ andato almeno una volta a vedere un film in sala.

Seguono in graduatoria le visite a musei e mostre (27,9%), gli spettacoli sportivi (26,5%), le discoteche e balere (23,6%), le visite a siti archeologici e monumenti (21,6%), il teatro (21,0%) e, all’ultimo posto, i concerti di musica classica, che interessano appena il 9,3% della popolazione. Il teatro e’ l’unica attivita’ fuori casa, tra quelle considerate, in cui la partecipazione femminile e’ maggiore rispetto a quella maschile a tutte le eta’ (22,6% delle donne contro il 19,2% degli uomini).

 La televisione appare un’abitudine consolidata; la guarda il 93,8% della popolazione di tre anni e piu’ mentre il 62,8% ascolta la radio.
Meno diffusa e’ l’abitudine alla lettura di libri e giornali: legge un quotidiano almeno una volta a settimana il 58,1% delle persone di 6 anni e piu’ mentre il 43,1% dedica parte del proprio tempo libero alla lettura di libri.

Sempre nel 2007 il 41,7% della popolazione di 3 anni e oltre dichiara di utilizzare il personal computer e il 36,8% della popolazione di 6 anni e piu’ si collega ad Internet. L’uso del pc coinvolge soprattutto i giovani e tocca il livello massimo nella fascia di eta’ tra i 15 e i 17 anni (77,8%); al crescere dell’eta’ diminuisce l’uso e nella fascia 65-74 anni la percentuale scende al 6,9%. A livello territoriale, permane uno squilibrio nell’uso del pc (Nord e Centro rispettivamente 46,4% e 43,1%, Mezzogiorno 35%) e di Internet (Nord e Centro rispettivamente 41,5% e 38,7%, Mezzogiorno 29,6%).