Istat. Import ed export in calo a luglio, ma il saldo è ai massimi dal 1998



Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Istat. Import ed export in calo a luglio, ma il saldo è ai massimi dal 1998

Istat. Import ed export in calo a luglio, ma il saldo è ai massimi dal 1998

24 Settembre 2009

Nel mese di luglio le esportazioni complessive italiane sono diminuite del 20,6% rispetto a luglio 2008 e le importazioni del 27,6%. Su base tendenziale le esportazioni sono invece diminuite del 23,1% mentre le importazioni del 20,6%; rispetto a giugno scorso, in termini destagionalizzati, le esportazioni sono cresciute dell’1,7% mentre le importazioni sono diminuite del 2,8 per cento. Lo riferisce l’Istat aggiungendo che il saldo commerciale è risultato positivo per 4.107 milioni di euro, un valore doppio rispetto a quello registrato nello stesso mese del 2008 e che rappresenta il record positivo da luglio 1998, quando era stato pari a 5.754 milioni. Nel periodo gennaio-luglio 2009 il saldo è stato negativo per 57 milioni di euro, mostrando un miglioramento rispetto al passivo di 5.152 milioni rilevato nello stesso periodo del 2008.

Il saldo commerciale con i Paesi della Ue è risultato positivo per 2.397 milioni di euro, in riduzione rispetto al surplus da 3.695 milioni rilevato nello stesso mese del 2008. Nei primi sette mesi le esportazioni sono calate del 26,3% e le importazione del 22,6%, rispetto allo stesso periodo del 2008.

Nei primi sette mesi dell’anno il saldo della bilancia commerciale al netto del petrolio greggio e del gas naturale è risultato positivo per 23,6 miliardi, in diminuzione rispetto all’attivo di 31,9 miliardi registrato nell’analogo periodo del 2008.

Considerando gli scambi commerciali nel loro complesso, a luglio 2009 si sono rilevati andamenti tendenziali negativi per la maggior parte dei settori di attività economica, ad eccezione di articoli farmaceutici, chimico-medicali e botanici (+4,6%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+0.3%). Le flessioni maggiori hanno riguardato coke e prodotti petroliferi raffinati (-36,8%) e metalli di base e prodotti in metallo (esclusi macchine e impianti), che sono calati del 33,3%.

Su base mensile, invece, le esportazioni mostrano lievi segnali positivi con un aumento del 3,1%, mentre le importazioni calano del 2,8%.