Home News Istat, nel 2065 residenti in calo di 7mln: le nascite non compenseranno i decessi

Tutte le news

Istat, nel 2065 residenti in calo di 7mln: le nascite non compenseranno i decessi

0
115

Le future nascite non saranno sufficienti a compensare i futuri decessi. Nello scenario mediano, dopo pochi anni di previsione il saldo naturale raggiunge quota -200mila, per poi passare la soglia -300 e -400mila unità in meno nel medio e lungo termine. E' un furuto inquietante quello che l'Italia ha davanti: popolazione in continuo calo e aumento dell'età media.

E' l'Istat a sottolineare che "la popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2025 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5.

La probabilità di un aumento della popolazione al 2065 è pari al 7%". L'età media della popolazione "passerà dagli attuali 44,7 a oltre 50 anni del 2065. Considerando che l'intervallo di confidenza finale varia tra 47,8 e 52,7 anni, il processo di invecchiamento della popolazione è da ritenersi certo e intenso". 

Le migrazioni interregionali favoriranno ancora il Centro-nord, ma seguiranno un'evoluzione di leggero declino man mano che le generazioni di giovani e adulti, le più interessate ai movimenti migratori, tenderanno numericamente a ridursi. Considerando, inoltre, che l'intervallo di confidenza finale varia tra 47,8 e 52,7 anni, il processo di invecchiamento della popolazione è da ritenersi certo e intenso.Il picco di invecchiamento si registrerà tra il 2045-50, quando si riscontrerà una quota di ultrasessantacinquenni vicina al 34%. 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here