Joele, così muore un italiano a Londra

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Joele, così muore un italiano a Londra

28 Aprile 2014

Gran Bretagna. Inizia il processo nel tribunale di Maidston contro i 4 cittadini lituani che il 20 ottobre del 2013 uccisero picchiandolo a sangue il giovane lavoratore italiano Joele Leotta, che aveva lasciato l’Italia e la Brianza per cercare fortuna a Londra. A parlare tra i testimoni è Alex Galbiati, il ventenne di Rogeno, in provincia di Lecco, amico di Joele, che insieme a lui aveva raggiunto l’Inghilterra per lavoro e che si è salvato dal pestaggio, nato da una vendetta per futili motivi che tra le altre cose si è scoperto avere un bersaglio sbagliato (i due italiani). Alex in aula ha ricordato l’avventura dei due amici in Inghilterra, la disponibilità e la generosità di Joele e i terribili momenti della aggressione.