Kosovo: A Pristina tutto e’ pronto per l’ indipendenza

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Kosovo: A Pristina tutto e’ pronto per l’ indipendenza

17 Febbraio 2008

“Tutto è pronto, stiamo per avere la nostra indipendenza: la cartina del mondo sta cambiando”: lo ha affermato ieri il premier kosovaro, Hashim Thaci, in un discorso televisivo alla vigilia della proclamazione formale dell’indipendenza della provincia serba.

E ieri sera la capitale del Kosovo, Pristina, ha vissuto ore di euforia: sirene, clacson, auto in festa per le strade, mentre la gente festeggiava al grido “Kosovo, Kosovo!”. La strada principale di Pristina bloccata dal traffico come nelle ore di punta, striscioni con la scritta “Indipendenza” e bandiere kosovare e americane sventolavano dalle auto in corsa.

Oggi alle 15 infatti è stata convocata la seduta straordinaria del Parlamento kosovaro, che dovrebbe dichiarare l’indipendenza, presentando anche la nuova bandiera e lo stemma nazionali. “Tutti i preparativi sono stati ultimati, ogni passo delle istituzioni sarà coordinato con i partner internazionali”, ha affermato Thaci.

“La popolazione è informata, sa quando succederà; la Costituzione è pronta, i simboli nazionali sono pronti, tutto dice che il Kosovo è pronto per dichiarare l’indipendenza”. Il premier ha ribadito che “l’influenza di Belgrado sul Kosovo è definitivamente tramontata”, pur impegnandosi a difendere la minoranza serba “in ogni circostanza”; subito dopo la proclamazione dell’indipendenza il governo kosovaro provvederà a nominare i Ministri degli Esteri e della Difesa.