il blog del direttore

La Baronessa Ashton piange i morti di Tolosa ma pensa a Gaza

1
58

 Deve essere un insopprimibile riflesso condizionato, tipo il saluto nazista del dottor Stranamore, quello che colpisce le elites burocratico-politiche europee. Non possono ammettere che si pianga una vittima ebrea senza che il loro pensiero voli a Gaza, dove sembra sia in corso una strage infinita di innocenti a fare pari e patta.

Persino quando la tragedia è terribile e insensata come la strage nella scuola ebraica di Tolosa, dove tre bambini hanno perso la vita assieme al loro insegnante per mano di un killer nutrito di odio anti-antisemita.  Persino in un caso come questo, così dolorosamente assoluto e folle, così tragicamente connesso al ribollire si sentimenti anti ebrei e anti israeliani tipici dell'Europa di questi anni, persino in un caso come questo, il pensiero della ministra degli Esteri europea, Catherine Ashton, è volato a Gaza, in cerca di una sorte paragonabile tra i bambini palestinesi. 

Parlando in un convegno sulla gioventù palestinese a Bruxelles, la baronessa Ashton (la stessa che qualche giorno fa aveva definito i marò italiani detenuti in India, "guardie private") ha fatto cenno alla strage di Tolosa e subito dopo si è sentita in dovere di ricordare i bambini "che perdono la vita a Gaza", ovviamente per mano degli israeliani. 

Deve trattatarsi di una malattia dell'anima, di uno strano avvelenamento del sangue di certi europei, se nel momento della massima costernazione e del più acido dolore per quella tragedia nel cuore dell'Europa contro persone con l'unica colpa di essere ebrei, ci si mette a pensare a Gaza, quasi a cercare conforto e giustificazione nel paragone, nel contrappasso, nel pareggio.

Il portavoce della Ashton ha subito smentito tenatazioni di questo genere nelle parole della baronessa, e noi siamo intenzionati a credergli. Ma a maggior ragione quel riflesso condizionato, inconsulto, che non passerebbe al vaglio di un secondo di lucida valutazione, andrebbe scandagliato, compreso e rimosso.

Perchè non si può far finta che non esista, non si possono incolpare i giornali che "fraintendono" o le parole fuggite via. Bisogna invece incolpare se stessi e quella pericolosa inclinazione della ragione che fa sempre scivolare le cose nello stesso modo: verso un buco nero dove non si capisce più nulla, nè di Tolosa, nè di Gaza nè tanto meno di un'Europa in cui vengono ancora uccisi gli ebrei.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Ashton…
    Quando sei attaccato da un serpente velenoso (chiunque sia, comunque si chiami e qualunque sia il suo ruolo nella società) e non hai altro mezzo di autodifesa, ricordati, Uomo, che decapitarlo dalla testa diventa un diritto inalienabile per la tua sopravvivenza! Per conto mio la vedo così da sempre…

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here