La Borsa di Mosca festeggia con Trump

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

La Borsa di Mosca festeggia con Trump

09 Novembre 2016

La Borsa di Mosca festeggia il nuovo presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, mostrandosi in netta controtendenza rispetto agli altri mercati finanziari, sorpresi dall’esito delle elezioni presidenziali.  

Infatti i mercati russi, dopo un avvio negativo, hanno virato al rialzo. L’indice di Mosca RTS, siglato in dollari, sta mettendo a segno un progresso dell’1,24%, mentre il Micex, in rubli, guadagna l’1,42%. Intanto il rublo si sta stabilizzando sul dollaro a quota 63,86. Sull’euro è in calo: il cross si attesta a 70,93 rubli per un euro.

La notizia ufficiale dell’elezione di Trump come 45° presidente degli stati Uniti è stata accolta dalla Duma con un lungo applauso. Del resto, Donald Trump è sempre stato un convinto sostenitore di un dialogo più costruttivo tra Washington e Mosca, e nella sua campagna elettorale si è espresso chiaramente a favore di un avvicinamento al Paese. 

Oggi, uno dei primi a esprimere felicitazioni a Donald Trump per la sua vittoria è stato proprio il presidente russo Vladimir Putin. Il ripristino delle piene relazioni tra Russia e Stati Uniti avrebbe un “impatto positivo sul clima globale nelle questioni mondiali e sul mantenimento della stabilità mondiale”, ha detto Putin durante la cerimonia al Cremlino, dove ha ricevuto le credenziali dei nuovi ambasciatori stranieri a Mosca. 

Il leader russo ha ribadito che la Federazione è “pronta a tutto per far tornare le relazioni russo-americano su una traiettoria sostenibile. Abbiamo sentito le dichiarazioni elettorali dell’allora candidato alla Casa Bianca Donald Trump, mirate a ripristinare i rapporti fra la Russia e gli Usa. Comprendiamo e siamo consapevoli che sarà un percorso difficile  – ha detto Putin – dato il deterioramento in cui si trovano le nostre relazioni. La Russia  – ha concluso – è pronta a far la sua parte e desidera ricostruire i rapporti a pieno titolo con gli Usa”.