La Compagnia delle Opere in piazza al Family Day

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

La Compagnia delle Opere in piazza al Family Day

18 Aprile 2007

La Compagnia delle Opere ha reso noto in un comunicato cge aderirà al Family Day del 12 maggio a Roma. “La Compagnia delle Opere aderisce alla manifestazione del 12 maggio per chiedere sussidiarietà: per la famiglia e per i soggetti che da essa nascono”, vi si legge.
L’associazione, vicina a Comuninione e Liberazione, ha chiarito che la scelta dipende essenzialmente da tre motivi. Primo “la famiglia costituisce il primo nucleo dell’ordinamento sociale. Essa è dunque piú che una ‘risorsa’: è il luogo della nascita della vita e dello sviluppo della personalità attraverso l’educazione. Chi propone altri modelli dovrebbe dichiarare qual è il modello alternativo di società che vorrebbe impiantare”. In secondo luogo, “la famiglia svolge da sempre, in Italia, un ruolo fondamentale per la creazione, l’esistenza e lo sviluppo delle imprese: un ruolo che non è solo economico, ma innanzitutto ideale. La politica dovrebbe riconoscere, valorizzare e sostenere questo ruolo e smettere di parlare con disprezzo di ‘nanismo’ e ‘familismo’ delle imprese italiane”. Infine, “vi sono realtà familiari associate che hanno sostenuto e sostengono la famiglia e la sua capacità di educare le giovani generazioni e di accogliere i soggetti piú deboli della società. Queste associazioni danno risposte organiche ai bisogni delle famiglie: dall’educazione all’accoglien dal pane quotidiano ai vestiti. Anche queste realtà, come la famiglia stessa, sono ignorate dalle politiche a tutti i livelli, in nome di una pretesa universalità che si coniuga con uno statalismo inefficiente e oneroso”.