Home News La Federazione e il Centrodestra che verrà

Il sasso nello stagno

La Federazione e il Centrodestra che verrà

1
204

Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato.

Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore.

Il tempo è giusto perché con il Covid e la drammatica esperienza che stiamo vivendo, la prima vera emergenza dalla fine della seconda guerra mondiale, l’Italia cerca una nuova politica, basata sulla serietà della proposta, la capacità della classe dirigente, la concretezza dei programmi. Una politica che guardi al futuro, rifuggendo dalle velleitarietà approssimative, dalle stravaganze.
Ora però sarebbe importante capire cosa si intende per federazione di centrodestra. Perché se, come talvolta appare, la proposta di una federazione dovesse servire a blindare la coalizione così come è, francamente sarebbe poco utile. Poco utile per vincere e poco utile per costruire qualcosa di nuovo.

Fino ad ora infatti abbiamo assistito a un centrodestra uguale a se stesso: stessi partiti, stessi vertici a porte chiuse, più voglia di blindare le proprie posizioni che mettersi in discussione. Più attenzione a sterilizzare le nuove esperienze che a valorizzarle.

Eppure, anche alle ultime elezioni regionali, un numero importante di elettori si è riconosciuto in esperienze che per ora sono escluse dal consesso tradizionale del centrodestra. Basti pensare al successo delle Liste dei governatori (la mia in Liguria oltre il 22%, primo partito della regione, quella dell’amico Zaia in Veneto ancora di più) alle Liste dei sindaci, alle esperienze civiche.

Tutte proposte politiche che fino ad ora sono state tenute fuori dalla porta di un centrodestra fermo agli schemi degli anni Novanta.

Attenzione: il centrodestra del futuro non è la federazione dei deputati e dei senatori che OGGI siedono in Parlamento. Il centrodestra del futuro saranno i deputati e i senatori che saremo in grado di eleggere NEL PROSSIMO Parlamento. Ed è chiaro a tutti che molti parlamentari di oggi quelle aule non le vedranno più neppure col binocolo. E alcuni partiti avranno rappresentanze parlamentari ben piu magre. Così come, se questo centrodestra non saprà allargarsi, nelle prossime amministrative sarà dura vincere in tante importati città che andranno al voto.

Dunque augurando un futuro importante e molte vittorie al centrodestra aspetto di vedere cosa succederà: se la federazione proposta servirà a blindare il vecchio centrodestra con i suoi riti, allora sarà solo una falsa partenza verso il futuro, e molte nuove energie cercheranno altrove la propria strada.

Se invece alla proposta di Salvini seguiranno nuove e vere forme di aggregazione, di apertura, di coinvolgimento, allora avremo imboccato quella via che molti di noi auspicano ed attendono da anni. E finalmente molti cittadini troveranno di nuovo un progetto di Paese e una classe politica in cui riconoscersi.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Salvini sembra cominci a fare piccoli passi nel persi con i media e spero li faccia anche nel reinventarsi un modo più trasparente, serio, credibile e coeso di fare politica ma soprattutto la Lega dovrebbe fare una vera pulizia interna e liberarsi delle persone “impresentabili”. Anche il rapporto con F.I. andrebbe rivisto proprio da un punto di vista di trasparenza e opportunità visto che, per quello che conosco, mi pare che i legami con il “fondatore Dell’Utri” non sono stati affatto spezzati e Berlusconi si ostina, a mio avviso, a difendere solo i suoi interessi. Ormai tutti i partiti sono infiltrati dalla “criminalità organizzata e mafiosa” ma forse si farebbe prima a dire che la “Mafia di fatto governa utilizzando anche i politici”, la Calabria insegna ma non è certo l’unica.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here