Home News La fine della Pax Americana apre la strada a Russia, Turchia e Israele

Cronache balcane

La fine della Pax Americana apre la strada a Russia, Turchia e Israele

0
14

Il segretario di Stato Hillary Clinton, si sta preparando per un viaggio nei Balcani occidentali. L' influenza degli Stati Uniti e dell'Unione Europea nella regione non eccelle, anzi altre potenze interessate, come la Turchia, la Russia e Israele stanno diventando sempre più attive nei Balcani. I problemi e le incertezze della regione sono più accentuati dalla crisi dell’euro, i Balcani stanno subendo una transizione instabile da un relativamente ben definita architettura di sicurezza in un stato indeterminato, ovviamente con nuove forze e giocatori sempre importanti anche perché i vecchi attori come USA e l’Ue stanno perdendo l’interesse e l’influenza.

Il periodo tra la firma degli accordi di pace di Dayton nel 1995 fino alla dichiarazione di indipendenza del Kosovo nel febbraio 2008 viene definito come la “Pax Americana” dei Balcani, durante il quale tutti gli attori principali della politica europea hanno accettato i contorni della sicurezza dei Balcani definiti da Washington. È importante sottolineare che anche Mosca ha approvato gli elementi essenziali della visione degli Stati Uniti per la stabilità dei Balcani occidentali, come gli accordi di Dayton, la Risoluzione 1244 delle Nazioni Unite del Consiglio per porre fine al conflitto in Kosovo e accordi di Ohrid nel 2001 in Macedonia. Questo consenso internazionale sulla politica balcanica e struttura di sicurezza, tuttavia, si ruppe dopo che il Kosovo ha dichiarato l' indipendenza, Mosca aveva più volte insistito sul fatto che non lo avrebbe accettato. Anche l'UE rimane divisa su questo tema, con i cinque membri dell'UE che si rifiutano di riconoscere l' indipendenza del Kosovo.

Con il congelamento del consenso internazionale su come deve essere l’architettura di sicurezza dei Balcani occidentali, gli Stati Uniti non hanno i mezzi diplomatici, economici e militari, per promuovere cambiamenti positivi nella regione. La perdita di leadership americana nei Balcani ha coinciso con la crisi della zona euro, a seguito della quale, Bruxelles non ha fornito un chiaro percorso di integrazione regione o gli incentivi per le principali politiche strutturali. La Macedonia ha aspettato invano dal 2005 per ottenere una data di inizio dei negoziati di adesione, e in tutta la regione la grande paura è che, dopo la Croazia che entrerà nell'UE a metà del 2013, un ulteriore allargamento dell'UE sia fuori dal tavolo almeno per il prossimo decennio. Un chiaro esempio della perdita di influenza dell'UE nella regione è la recente decisione della Bulgaria di non aderire alla zona euro.

La fine della Pax Americana dei Balcani e la preoccupazione dell'Unione europea con i suoi problemi ha creato un vuoto in Europa sud-orientale, e, come sempre la politica aborrisce il vuoto, un certo numero di nuovi poteri si stanno affrettando a riempire il vuoto politico e di sicurezza. Nel corso degli ultimi anni, l'influenza della Russia, la Turchia e anche di Israele è in aumento. Il primo ministro Recep Tayyip Erdogan ha deciso di adottare un’agenda aggressivo islamista / neo-ottomano a spese delle ambizioni della Turchia per adesione UE. La Russia, nel frattempo, ha adottato alcune misure, come il pacchetto di salvataggio della Cipro, o entrando in Grecia, dove si utilizza una porta per la flotta russa. La Russia è la principale fonte di investimenti esteri in Bosnia e Serbia, e l' obiettivo principale è il progetto di gasdotto del sud. Ma uno degli sviluppi più interessanti è stato il ruolo crescente di Israele nella regione.

Per compensare il raffreddamento delle relazioni con la Turchia, Israele è stata attiva nella ricerca di nuovi alleati balcanici. Parte di questo è stata la cooperazione militare con la Grecia, lo sviluppo di relazioni più strette con l'entità serbo-bosniaca, la Republika Srpska. Nel prossimo futuro, si prevede di approfondire i legami di Israele, Bulgaria, Romania e Serbia. Con la mancanza di un consenso internazionale su una nuova struttura di sicurezza nei Balcani, con Washington che si sta concentrando sul Medio Oriente e l’Asia, l'Unione europea con la sua crisi economica, i problemi nei Balcani dureranno e saranno meno gestibili rispetto al periodo 1995-2008. La Bosnia sta ancora affrontando gli stessi dilemmi politici e costituzionali, come 20 anni fa. Il Kosovo resta diviso all'interno e non riconosciuta per la maggior parte della comunità internazionale (tra cui due membri del Consiglio di sicurezza dell'ONU e dei paesi BRIC).

Le relazioni interetniche in Macedonia si stanno deteriorando fino a quando il problema della disputa sul nome con la Grecia impedisce il percorso di integrazione di Skopje. Il nuovo governo serbo dovrebbe fare di più per dimostrare ai vicini scettici e Washington e Bruxelles. La sfida per la politica degli Stati Uniti, mentre il Segretario di Stato Clinton visita i Balcani, è se i responsabili politici a Washington comprendano i cambiamenti in atto in Europa dell’est e che le loro politiche devono essere adattate di conseguenza. L'obiettivo strategico degli Stati Uniti nella maggior parte del decennio passato è stato un Sud-Est Europa, ancorato nell’Ue e NATO. Mentre un tale obiettivo è ancora raggiungibile, la sua attuazione richiede molto di più che le visite occasionali da parte di funzionari degli Stati Uniti con le tasche vuote o lezioni dei diplomatici americani per la gente del posto. Ciò richiede un molto più sofisticato e sottile politico americano, che capisce che la stabilità dei Balcani richiede un consenso regionale. 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here