La gente di Haiti applaude: “Viva gli Usa! Grazie America!”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

La gente di Haiti applaude: “Viva gli Usa! Grazie America!”

25 Gennaio 2010

Per sgombrare ogni dubbio dopole dichiarazioni forse avventate del capo della Protezione Civile italiana Bertolaso, la risposta stizzita del segretario di stato americano Clinton e la rettifica da parte del governo per bocca del ministro degli esteri Frattini – vi proponiamo questo breve video sul salvataggio di un haitiano rimasto seppellito sotto le macerie, effettuato proprio da una equipe statunitense.

Da quando gli Usa si sono mossi per soccorrere la popolazione di Haiti colpita dal terremoto ne abbiamo sentite di tutti i colori, che gli americani stavano aiutando solo i loro connazionali, che avevano occupato l’aeroporto di Port au Prince impedendo di atterrare a un volo di "Medici senza Frontiere", che la loro gestione "militaresca" della crisi aveva provocato ritardi e incomprensioni, fino ai deliri sulla futura annessione dell’isola da parte degli Usa.

Invece guardiamo queste immagini, anche se raccontano solo un singolo caso sono significative. Osservate la professionalità della squadra di soccorritori americani mentre estrae il corpo del sopravvissuto, lo traporta lontano dalle macerie, lo protegge dalla curiosità dei fotografi e della gente, allontanando i curiosi quando rischiano di intralciare le operazioni di soccorso. Sembra la scena di un film, con gli elmetti dei pompieri che brillano di forza e sicurezza, la coordinazione nei gesti e nelle procedure, la gente che applaude. "Viva gli Usa!, Grazie Usa!".