Home News La Gran Bretagna e l’incubo di quei “mostri” generati dal multikulti

La lotta contro matrimoni forzati e violenze d'onore

La Gran Bretagna e l’incubo di quei “mostri” generati dal multikulti

5
3

La questione dei matrimoni forzati rappresenta un problema, se non addirittura una vera e propria emergenza in Gran Bretagna. A testimoniarcelo qualche mese fa era stato il rapporto dell’Association of Chief Police Officers che forniva dei numeri da brivido sull’incidenza della pratica: 17,000 donne vittime ogni anno di violenze “d’onore” e 8.000 costrette ad accettare “forced marriage”. Ai matrimoni forzati, infatti, spesso si accompagnano rapimenti, mutilazioni genitali, pestaggi, violenze basate sull’onore e stupri.

Adesso, a conferma di questi dati, giungono quelli del Forced Marriage Unit (FMU) istituito dal governo come parte di uno sforzo continuo per creare una legge che criminalizzi il matrimonio forzato in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord. Secondo il FMU solo l’anno scorso più di 400 bambini sono stati sottoposti a matrimoni forzati in Inghilterra, persino una di 5 anni la vittima più giovane del paese. E i casi assistiti dall’ente sarebbero stati 1.500 nel 2011.

Non solo, secondo la Foundation for Women's Health Research and Development, più di 65.000 donne e ragazze in Inghilterra e Galles sono state le vittime di mutilazioni genitali femminili, e altre 24.000 di età inferiore ai 15 sono ritenute ad alto rischio. Inoltre l’Iranian and Kurdish Women's Rights Organization (IKWRO), un ente di beneficenza che fornisce consulenza alle donne musulmane e bambine che vivono nel Regno Unito, ha attestato che sempre lo scorso anno 2.800 cosiddetti attacchi e violenze d'onore sono stati registrati dalla polizia britannica. Tutti numeri che si limitano a descrivere solo una parte del fenomeno, quello emerso grazie alle denunce. La cifra reale potrebbe essere cinque volte più alta (soprattutto nella città di Londra) di quella che conosciamo. La realtà che interessa moltissime donne e ragazze musulmane dell'Asia meridionale che vivono nel Regno Unito, ha assunto una gravità tale da portare il primo ministro inglese David Cameron a paragonarla ad una forma di “schiavitù moderna” che bisognerebbe affrontare e sconfiggere senza farsi intimorire da “preoccupazioni culturali”.

Parlando alla Camera dei Comuni il 6 febbraio, il ministro degli Interni britannico Theresa May ha dichiarato portando alla luce un aspetto della problematica: “Purtroppo, assistiamo a troppi esempi di questo terribile crimine che continua ad avvenire. Penso che molte persone sarebbero sorprese di sapere quante giovani ragazze all'interno della Regno Unito sono sottoposte a mutilazioni genitali”. Sì, perché quest’ultima pratica, nonostante risulti illegale e punibile con 14 anni di carcere ai sensi del Female Genital Mutilation Act del 2003, è una tra le più comuni soprattutto tra gli immigrati musulmani provenienti dall'Africa e dal Medio Oriente. In molti casi, le famiglie musulmane spesso mettono in comune le risorse per mandare dall’Africa “cutters” professionisti in Gran Bretagna  per effettuare mutilazioni su ragazzine giovanissime spesso senza anestesia, e utilizzando coltelli affilati, lame di rasoio o bisturi per un minimo di £ 40 ($ 65). In altri casi, le ragazze sono spedite all’estero per ridurre al minimo il rischio di essere scoperti.

Un altro fenomeno, apparentemente meno violento ma che rappresenta comunque una piaga per la Gran Bretagna, è la rapida crescita dei matrimoni multipli alimentata dalle politiche multiculturali che riconoscono diritti speciali agli immigrati musulmani che chiedono che la legge della Sharia islamica si rifletta nella legge britannica. Nonostante si tratti di un reato punibile fino a sette anni di carcere, il fenomeno sembra essere inarrestabile. Nel settembre 2011, un quotidiano britannico ha rivelato che denuncia decine di migliaia di immigrati musulmani in Gran Bretagna stanno praticando bigamia o la poligamia per raccogliere maggiori benefit da parte dello Stato britannico. Un andazzo a cui il governo, assicura, dirà basta a partire nel 2013.

Cameron sta anche lavorando a una nuova legge che dovrebbe garantire che la carne macellata in conformità con la legge della Sharia islamica non sia venduta, come spesso succede, inconsapevolmente alla gente. Nel settembre del 2010, infatti, il Daily Mail ha scoperto che grandi catene di supermercati, fast-food, ospedali e scuole britanniche servivano carne halal, spacciandola per carne qualsiasi.

Nel frattempo, però, sebbene questo scenario renda più che palese il fatto che il multiculturalismo abbia clamorosamente fallito in Gran Bretagna, c’è ancora chi come la BBC - guardacaso - si rifiuta di mandare in onda una sceneggiatura (“Can We Talk About This?”) su come la cosiddetta “cultura delle differenze”, peraltro bocciata da Cameron, abbia diviso ancor più la società britannica e sulla minaccia che l'Islam pone alla libertà d’espressione. Resistenze queste che rendono ancor più difficoltoso per gli inglesi liberarsi dall'incubo di quei terribili “mostri” - quali i matrimoni forzati e le violenze d'onore - generati dal mulikulti.

 

  •  
  •  

5 COMMENTS

  1. L’OCCIDENTE E L’islam
    Il multiculturalismo è fallito, e oramai lo sappiamo tutti. Rettifico: tutti tranne la gente “de sinistra”.

  2. Più che il
    Più che il multiculturalismo, è fallita la sua gestione. Creare quartieri ghetto non è la soluzione ideale. In ogni caso il processo non è arrestabile. Ogni nuovo straniero a casa nostra fa il doppio dei figli dei nostri compatrioti, nel giro di 3 o 4 generazioni (diciamo meno di un secolo) avremo anche in Italia una popolazione mista, una metà buona di cognomi cinesi, est-europei, maghrebini ecc., qui a Torino, dove vivo, le coppiette miste di italiani/e stranieri/e abbondano tra i giovanissimi, ci sarà da divertirsi per gli oltranzisti del “tutti a casa propria!”. Non ci sarà più una casa propria, a parte il mondo, per tutti, e chi crede di poter vivere alzando muri, farebbe bene a sigillarsi a casa!

  3. Halal DOC
    ——Cameron sta anche lavorando a una nuova legge che dovrebbe garantire che la carne macellata in conformità con la legge della Sharia islamica non sia venduta, come spesso succede, inconsapevolmente alla gente. Nel settembre del 2010, infatti, il Daily Mail ha scoperto che grandi catene di supermercati, fast-food, ospedali e scuole britanniche servivano carne halal, spacciandola per carne qualsiasi.—- Lodevolissima iniziativa legislativa: così i musulmani britannici, quando comprano la carne al supermercato, saranno sicuri che sia halal, cribbio!:-). Però, da biekissimo muSSulmano:-) quale sono, vorrei fare un paio di domandine alla sig.ra Pantaleo, nella sua qualità di indubbia esperta “Occidentale” di multikulti alla Perfida Albione (il presente articolo mi sembra un’edizione riveduta e corretta di un altro, pubblicato sempre qui il 12/07/2011) . Domanda n.1: la stessa regola dell’obbligatorietà dell’etichetta varrà anche per la carne kasher (macellata esattamente con gli stessi criteri aborriti da ogni buon animalista talebano che si rispetti) oppure chi osasse proporlo si beccherebbe seduta stante sulla capoccia l’accusa di essere un biekissimo antisemita, nonché negazionista della Shoah?:-) Domanda n.2: come faranno gli omologhi britannici dei NAS ad assicurare la scrupolosa osservanza della sullodata legge? Insomma, se al caro animalista talebano è stato venduto un pezzo di carne halal senza informarlo, i NAS britannici dispongono forse di un microscopio che fa apparire la faccia del mullah Omar nei preparati bioptici prelevati da tale abominevole:-) carne? P.S. Si prega di non rispondere alla domanda n.2 tirando in ballo la filiera, l’etichettatura e roba simile, tutte scartoffie che si possono agevolmente preparare a seconda dei propri comodi….

  4. Simpatico
    Molto simpatico il commento del muSSulmano, soprattutto accennando a cosa accadrebbe se la discriminazione della carne halal
    valesse anche per il kosher: sicuramente urlerebbero all’antisemitismo!!

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here