Fede e istruzione

La marcia indietro di Fioramonti sul crocifisso

1
1017

“Sono sgomento di fronte a questo vespaio mediatico. Il tema non è all’ordine del giorno, non è una priorità, neanche lontanamente”. Così il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, torna a parlare del crocifisso nelle aule scolastiche durante un’intervista a Radio Capital. “Io credo in una scuola laica – spiega -. Invece di parlare del fatto che il Ministero sta lavorando per l’edilizia scolastica o che sta aiutando le amministrazioni, si discute di quello che io ho detto sul crocifisso. Questo Paese ha bisogno di un cambio di mentalità”.

Da una parte l’inevitabile presa di posizione della Chiesa e l’alzata di scudi del centrodestra, dall’altra la difesa del ministro Fioramonti e il tentativo di mettere la parola fine alla bufera da parte del Movimento 5 Stelle. Si chiude, tra un mare di polemiche, una giornata segnata dalla questione del crocifisso nelle scuole, sollevata dopi le parole del titolare del Miur che, in un’intervista radiofonica, aveva detto di essere “per una scuola laica”. “Spero che si rifletta su ciò che è stato detto in modo avventato”, il monito del segretario generale della Cei, mons. Stefano Russo. “Togliere il crocifisso dalle aule scolastiche servirebbe solo ad aiutare il leader della Lega, Matteo Salvini”, ha avvertito l’arcivescovo di Monreale, Michele Pennisi, al quale ha fatto eco il prefetto della Congregazione vaticana per l’Evangelizzazione dei popoli, cardinale Fernando Filoni. “Attenti ad una visione ideologizzata”, il suo messaggio nel quale invita a “non imporre ad altri ciò che ognuno pensa che sia unico”.

  •  
  •  

1 COMMENT

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here