Home News La portaerei Garibaldi sarebbe meglio non venderla

Strategia per la Difesa e contesto estero

La portaerei Garibaldi sarebbe meglio non venderla

0
17

Dimezzare il piano di spesa per gli F35, da 90 a 35 caccia, mezzo miliardo di risparmio all'anno. Mettere in stand-by il programma "Forza Nec" per il cosiddetto 'soldato digitale'. L'eventuale vendita o dismissione della portaerei Garibaldi che dal 2009 è stata affiancata dalla Cavour. Ma anche chiusura delle caserme, riduzione del personale, tagli ai mezzi di Marina, Guardia Costiera e Vigili del Fuoco per eliminare le 'ridondanze operative'.

Sono tante le indiscrezioni che circolano oggi sulla stampa rispetto al piano di revisione della spesa della Difesa da cui il Governo Renzi conterebbe di ottenere più di 16 miliardi di euro in 15 anni. In attesa che sia il parlamento, la Commissione Difesa della Camera, ad esprimersi con la sua indagine conoscitiva sui sistemi d'arma, vale la pena fare alcune considerazioni.

Posto che sugli F35 la scelta è di ridimensionare non certo di eliminare il programma iniziato ormai da molti anni con i nostri partner atlantici - il ministro Lupi ha spiegato che ci sono momenti nella vita di un Paese in cui, come avviene in una famiglia, se si hanno poche risorse bisogna decidere attentamente dove destinarle - resta il fatto che la strategia della Difesa italiana deve tener presente il contesto della politica estera attuale.

"Un panorama assai complesso caratterizzato da molteplici politiche di potenza fra le quali spicca per la sua aggressività quella russa," ha detto ieri il presidente della Commissione Esteri della Camera, Cicchitto (Ncd), "mentre quella europea è praticamente inesistente e caratterizzata da una molteplicità di politiche estere e dalla difesa dei singoli Stati".

Ci limitiamo a una osservazione sulla ventilata vendita della portaerei Garibaldi, che come abbiamo detto è sottoposta a lavori di ammodernamento ed è stata affiancata dalla Cavour. Occorre valutare con estrema attenzione una scelta del genere: la Cavour infatti, costata 3 miliardi è mezzo, è legata a doppio filo al programma sugli F35, il modello 'B' a decollo verticale, e la nave non potrebbe ospitare altri tipi di aerei. Il combinato disposto tra eventuale vendita della Garibali e riduzione degli F35 finirebbe per avere senz'altro dei risultati negativi.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here