La Rowling rivela i segreti di Harry Potter

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

La Rowling rivela i segreti di Harry Potter

21 Ottobre 2007

L’autrice di una delle saghe fantasy più lette in assoluto rivela alcuni dettagli suoi personaggi da lei creati che scatenano i suoi fans newyorkesi.

Durante la giornata di ieri J.K Rowling, la creatrice della fortunatissima saga di Harry Potter si trovava alla Carnegi Hall di New York, davanti ad una folta schiera di fans di tutte le età e stava leggendo alcuni passi dalla sua ultima fatica: “Harry Potter and the Deathly Hallows” quando si è aperta alle domande del suo pubblico rivelando cose che i fan non sapevano ancora.

Per esempio quando uno dei presenti gli ha chiesto se il professor “Dumbledor” avesse mai trovato il vero amore la Rowling si è presa una pausa di quelle alla Celentano per poi rispondere, “ho sempre pensato a Dumbledore come un gay”. A questo punto anche il pubblico è rimasto in silenzio per qualche secondo per poi tributare all’autrice uno scrosciante applauso.

Poi le circostanze gli hanno hanno dato la possibilità di rispondere ad una delle accuse più ficcanti che sono state indirizzate contro il suoi libri: l’anti-cristianesimo. Infatti ad un certo punto il teatro è stato attraversato da una voce che pareva venire dal nulla, al che la Rowling ha esclamato: “Dio, eppoi dicono che io non credo in te”. Facendo ridere la folla presente.

Secondo Gina Elliot del Times, “The Deathly Hallows” non è la fine di Harry Potter, è solo l’inizio di una mania che durerà a lungo.