Home News La sinistra a due piazze

La sinistra a due piazze

6
50

Dopo le due piazze del 12 maggio, in cui il centro sinistra si è diviso sulla famiglia, il prossimo 9 giugno la sinistra si troverà a dividersi su Bush. Il giorno della visita del presidente americano a Roma, mentre il Papa, Prodi e Napolitano approntano solenni accoglienze,  si prepara anche la risposta delle piazze.
Saranno due anche questa volta: in piazza Navona i disobbedienti di Casarini e dintorni annunciano sfracelli, e promettono una riedizione del G8 di Genova, con tanto di sfondamenti della “zona rossa”;  mentre la sinistra governativa sceglierà un’altra piazza (ancora da definire) con un più mite sit-in per non mettere troppo in imbarazzo i molti ministri che si troveranno attovagliati con George W. Bush.

“Il 9 giugno la storia della sinistra si separa”, annuncia con la solita enfasi  Luca Casarini che definisce Bush “un grande criminale di guerra” e pretende treni gratis per tutti “i pacifisti” che vogliono venire a Roma a mettere a ferro e fuoco la città.

Sull’altro versante ci sono Dilberto e gli altri che comunque considerano Bush uno “con le mani grondanti di sangue” ma devono pur sempre tenere i piedi il governo che lo riceve dopo una lunga e significativa attesa.

Finita la comoda convivenza nella piazza antiberlusconiana%2C per la sinistra  lo schema delle due piazze si presta ad essere replicato all’infinito. Solo un dubbio ci attanaglia sin d’ora: dove andrà Andrea Rivera?

  •  
  •  

6 COMMENTS

  1. Trasporti gratis per tutti i pacifisti !
    Come no ! Diamo la possibilità a questi bamba di scorrazzare in lungo e largo per l’ Italia a ripetere le loro fesserie e spaccare vetrine e bancomat (tanto loro hanno i soldi di papà ). A questa gente dovrebbe essere vietato circolare visto che si schiera apertamente con i terroristi che stiamo combattendo.

  2. Ahimè, ci risiamo! Ecco che
    Ahimè, ci risiamo! Ecco che nuovamente la mia America viene attacata. Era successo appena 3 mesi fa a Vicenza contro l’allargamento della base NATO. E ora di nuovo, con la solita doppia farsa, anzi tripla: la piazza della sinistra non governativa estremista, quella del mite sit in dissociata dalla prima solo perchè alcuni rappresentati si vogliono tenere fisso il posto al potere ed infine la piazza di Prodi e Napolitano, che pur odiando Bush e amici, sono costretti a fare la faccina buona e accogliente. Povero Bush! Non lo invidio mica a colloquio con Prodi, morirà dal sonno! Ah, vogliono pure i treni gratis i “pacifisti” rivoluzionari (tanto pacifisti quanto lo erano i bolscevichi di Lenin). E non mi sorprenderei se i compagni del governo (ricordiamo che i DSini non sono che gli eredi del PCI anti-americano e anti-occidentale) facessero loro questa concessione.
    Perchè non riesco ad abituarmi contro questa grande ipocrisia di piazza? Perchè non riesco a fregarmene di questi sedicenti “uomini di pace” che attaccano la nazione più democratica di questa terra, pur con i suoi difetti sia chiaro, ed invece chiudono gli occhi di fronte agli oppressori che in Cina, a Cuba, in Korea del Nord, in gran parte del mondo arabo, se ne fregano dei diritti delle persone e delle più elementari libertà di stampa? Ricordo a questi folli della piazza che l’apertura degli archivi sovietici nel 1991 ha messo in luce cosa intendessero i comunisti con la loro “ideologia della pace”: 81 milioni di morti in tutto il mondo, genocidi (vedi i kulak o i cosacchi),carestie organizzate a regola d’arte. E son sicuro che se un giorno anche altri archivi si potessero aprire (in Africa, in Iran, in Medio Oriente, in Cina) le atrocità che emergerebbero non sarebbero da meno. Ma invece questi codardi pensano bene di attaccare la nazione con la tradizione liberale e democratica che ha più profonde radici nel tempo (dopo solo l’Inghilterra) e che di certo non torce loro un capello… Andrea Rivera? Si schiererà in qualcuna di queste piazze, e attaccherà gli USA in quanto non ha le palle di attaccare i veri regimi sanguinari. Così come ha attaccato la Chiesa Cattolica, indifesa e senza rischi, invece dell’Islam radicale o di altre religioni facili alla vendetta… Che volete che vi dica? … God Bless America…

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here