La via difficile dei moderati

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

La via difficile dei moderati

19 Agosto 2015

Siamo davvero davanti al declino delle politiche moderate, come ha scritto Dionne sul Washington Post, spiegando che l’emergere del “trumpismo”, i  movimenti ribellistici europei, il revival sinistrorso tra  Usa e Gb  rappresentano un problema nient’affatto trascurabile per le forze riformiste? Da Salvini a Grillo passando per i vari “Podemos” il rischio c’è tutto, se si guarda al nostro orticello.

 

Dionne però vola alto, e cita alcuni brani del “Secondo avvento”, il poema di Yeats, per cercare di illuminare i profondi cambiamenti che avvengono nella politica: “I migliori hanno perso ogni fede, e i peggiori si gonfiano di ardore appassionato”, verso che Dionne giudica “irresistibile”. E ancora: “tutto si sfalda, il centro non può resistere”.

 

Il centro, luogo che i partiti hanno sempre cercato di occupare, non sembra più in grado di tenere, non è più il punto di equilibrio che decide la vittoria di una parte o dell’altra. L’analisi conferma cose che già sappiamo e sperimentiamo ogni giorno: la crisi dei partiti e dei politici tradizionali, la richiesta popolare di “forti dosi di impazienza, risentimento e indignazione”, la nascita, in tutta Europa, di movimenti che oscillano tra nazionalismo e populismo, creando nuove esplosive miscele anti-establishment (in Italia si direbbe anti-casta).

 

La posizione dei moderati, in un contesto simile, è difficile come mai prima d’ora. Ma l’esperimento messo in piedi in Italia (e altrove) durante questa legislatura, la “strana maggioranza” con Renzi, dopo l’esperienza del Governo Letta, appare francamente e per il momento l’unico modo per rispondere all’ondata dell’antipolitica, alla polarizzazione determinata dagli opposti populismi (Lega e 5 Stelle).

 

Da una parte vanno riconosciuti a Renzi gli sforzi per riformare il suo partito superando la sinistra novecentesca, fronteggiando fortissime fibrillazioni interne, dall’altra il Nuovo Centrodestra nasce e cresce come alternativa alla “salvinizzazione” del berlusconismo (mentre il Cavaliere continua a oscillare tra derive estremiste e nostalgia del Nazareno).

 

Leggendo l’editoriale del Washington Post e guardando al contesto europeo e internazionale, viene quindi da  commentare che il Governo Renzi sarà pure frutto di un’accoppiata ‘innaturale’ ma è ovvio che quel che resta di una politica riformatrice tenda a convergere davanti all’estremizzazione populista, alla  semplificazione assoluta del dibattito pubblico ridotto tanto spesso a rissa da bar, pieno di colpi bassi (altro che pancia) all’elettorato, alla mancanza di  una vera e concreta proposta di governo.

 

Del resto che fine hanno fatto gli alfieri italiani di Tsipras, quelli che volevano strappare i trattati europei e rompere con ogni vincolo “imposto” da  Bruxelles? La propaganda facile contro l’Euro e l’Europa fino adesso ha forse prodotto qualcosa? Eppure questi slogan continuano a risuonare, funebri ma insieme attraenti, come nel mondo descritto da Dionne.

 

L’alternativa, com’è avvenuto altre volte in passato nel nostro Paese, è il realismo riformatore, la chiave per riportare le pulsioni dell’antipolitica all’interno della volontà e della possibilità di governare. La via difficile dei moderati italiani.