Home News L’acceleratore virale e quel “fiorino” che non conosce pandemia

Sudditi

L’acceleratore virale e quel “fiorino” che non conosce pandemia

0
169

Il covid, più che migliorarci, a me pare abbia lavorato come un enzima che accelera processi fisiologici e sociali già in atto. Altro che cambiarli, tanto meno emendarli. Come un pettine, che passando sui nodi della nostra società li stringa invece di districarli.

Per esempio con il covid abbiamo scoperto che la burocrazia si fa sempre più lontana e inaccessibile per ogni cittadino: se prima per ottenere un documento dovevi sputare un rene, oggi li devi sputare entrambi. Senza alcuno sconto in tal senso: quel documento lo devi avere, punto. Ovvero, nessuna eliminazione di burocrazia a fronte del disservizio.

Due. Disuguaglianza sociale: sempre più marcata la differenza fra i garantiti (statali, protetti da home working e stipendio pieno da marzo) e i non garantiti (settore privato, con chiusure senza reale indennizzo e cassa integrazione per i dipendenti del settore. O quantomeno, per chi l’ha ricevuta. Mica tutti). Ovviamente ci sono molti statali che con la pandemia lavorano come e più di prima (settore sanitario, forze dell’ordine, ecc…). E’ quasi superfluo specificare, ma lo facciamo lo stesso, che non ci si riferisce a loro.

Tre. Compressione delle libertà individuali a fronte di nessuna riduzione o reale proroga di adempimenti di legge e fiscali. Ovvero, mi scade un documento? Tocca rifarlo nei tempi previsti, lottando coi rallentamenti di un semi lockdown perenne da marzo.

Quattro. Laddove i diritti dei cittadini di libera circolazione sono sospesi o ridotti a singhiozzo, quelli dell’immigrazione restano tali e quali: nessuno stop in ingresso di clandestini infetti e non. A conti fatti, hanno maggiore libertà di circolazione dei cittadini, senza alcun fondamento costituzionale.

In sostanza, si sono chiesti sacrifici e sforzo solo ai cittadini (non alle Istituzioni). E in particolare ai cittadini di serie B, i privati. Figli di un Dio minore, in Italia.

Il fiorino insomma, ce lo chiedete sempre ogni volta che passiamo. Covid o non covid…

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here