Le Hawaii di Obama bloccano il Muslim Ban bis di Trump

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Le Hawaii di Obama bloccano il Muslim Ban bis di Trump

16 Marzo 2017

Arriva proprio dalle Hawaii, dove, guarda caso, è nato Barack Obama, la prima offensiva legale al Muslim Ban bis, il nuovo bando del Presidente Usa Donald Trump che sospende i nuovi visti per sei Paesi musulmani.

Il giudice federale delle Hawaii Derrick Watson ha deciso infatti di bloccare temporaneamente su base nazionale anche il secondo “bando” sull’immigrazione, la versione “rivista e corretta” del provvedimento, a poche ore dalla sua prevista entrata in vigore.  Il testo del bando è stato considerato da Watson discriminatorio sulla base della nazionalità affermando che danneggerebbe i cittadini dello Stato in quanto impedirebbe loro di ricevere visite da parenti provenienti dai sei Paesi a maggioranza musulmani interessati dal provvedimento. Inoltre, si imputano al bando possibili danni al settore turistico per le Hawaii e limiti nella possibilità di accogliere studenti e lavoratori stranieri.

Il giudice, dunque, ha raccolto la richiesta avanzata l’8 marzo scorso dai procuratori dello Stato che ha dato i natali all’ex presidente Usa i quali hanno  presentato alla Corte una serie di documenti finalizzati a mostrare che il nuovo bando “sconta ancora gli stessi difetti costituzionali e regolamentari di quello precedente”, come ha dichiarato alla Cnn Neal Katyal, uno dei procuratori.   

Pronta la risposta di Trump che, nel corso di un comizio a Nashville, in Tennessee, ha annunciato l’intenzione di andare fino in fondo, a costo di andare dinnanzi alla Corte Suprema, bollando senza mezzi termini la decisione del giudice come “un abuso senza precedenti”. “Il pericolo è chiaro, la legge è chiara, il bisogno per il mio ordine esecutivo è chiaro. Lotteremo e vinceremo” ha concluso il presidente Usa.