Home News Le Winx “stregano” New York

L'accordo Rainbow-Nickelodeon

Le Winx “stregano” New York

0
1

Le fatine nate dalla matita di Igino Straffi volano oltreoceano e conquistano la Grande Mela. Ma non finisce qui, le Winx compariranno sugli schermi di Gran Bretagna, Canada, America latina, Benelux, Australia e Nuova Zelanda grazie ad un accordo siglato con l'americana Nickelodeon, controllata da MTV Network del gruppo Viacom quotato a New York.

La posta in gioco è il mercato americano, che vale il 50 % del settore. Ma le ambizioni di Straffi -  soddisfatto per essere riuscito  in tempi strettissimi a siglare un accordo con uno dei colossi tra i network made in Usa - e della società lauretana da lui diretta e fondata, volano anche a Oriente: “Il fatturato di Rainbow viene realizzato in paesi che contano per il 30% del mercato del merchandise al mondo. Con quest’accordo ci si apre al 62%. Poi resta solo il Giappone dove approdare”. Insomma, siamo di fronte a qualcosa di più di una semplice vendita dei diritti su alcune serie già realizzate o di una co-produzione di nuovi prodotti audiovisivi.

Le fatine colorate, che hanno fatto impazzire milioni di bambine, irromperanno sugli schermi americani con quattro puntate speciali della durata di un’ora ciascuna, basate sulla prima e seconda serie del cartoon. La numero tre e quattro andranno in onda nel 2011, dopodiché Nickelodeon – presente anche in Italia da 5 anni con una partnership con Sky – e Rainbow, svilupperanno e co-produrranno la quinta e la sesta stagione del cartone animato, le cui 26 puntate saranno presentate nel 2012. I diritti per il film andranno alla Paramount – una delle più importanti case cinematografiche degli Stati Uniti d'America, che ha già compiuto 90 anni di gloriosissima storia e prodotto oltre tremila film.

Solari e romantiche, fragili e determinate, unite da un’inossidabile amicizia e dotate di straordinari poteri magici che mettono al servizio del bene, le sei mitiche “teen-fate” hanno conquistato, infatti, in soli tre anni il mercato mondiale, finendo per attestarsi come un vero e proprio fenomeno internazionale per estensione, e trasversale per penetrazione in diverse fasce d’età. Winx è il brand numero uno in Italia ed Europa per livello di notorietà, il numero uno in Francia, Benelux e nel nostro Paese nel settore giocattolo, attestandosi come un grande fenomeno anche a livello di merchandising; il brand Winx è infatti il primo tra i prodotti in licenza più venduti.

Giunto nella sede di Loreto di Rainbow per delineare gli ultimi step dell’accordo, Pierluigi Gazzolo, chief operatating officer di MTV Networks International, ha affermato: “Abbiamo già cominciato a lavorare con i team delle due società per parlare del lancio delle due società per parlare del lancio e gli staff stanno lavorando allo script e alla versione americana della co-produzione. Abbiamo una vasta offerta per l’infanzia, con questo accordo intendiamo entrare nel segmento di mercato delle bambine dai 4 agli 11 anni”.

A detta dell’autore delle Winx, i ricavi della produzione saranno “nell’ordine di qualche milione”. La partnership, insomma, rappresenterebbe una bella spinta in alto per la società che, già di suo, nel 2009 ha chiuso con un utile netto di 10,4 milioni a fronte di ricavi per 50,3 milioni di euro.

Iginio Straffi – che ha iniziato la sua carriera come autore di fumetti quando ancora frequenta l’università – è il fondatore nonché l’Amministratore Delegato della Rainbow SpA, studio di animazione tra i leader nel panorama dell’industria cinematografica e televisiva mondiale, conosciuto soprattutto per l’acclamatissimo “Winx Club”. Il successo delle sei fatine, le più trendy e più cool nel panorama internazionale, sono divenute in breve tempo oggetto di un vero e proprio fenomeno di culto. Un fenomeno che nasce e si sviluppa grazie ad una stretta collaborazione fra Rainbow e Rai Fiction che ha decretato lo straordinario successo delle 3 serie televisive in 2D. E lo stesso team produttivo si è naturalmente riproposto anche per il film in 3D destinato alle sale cinematografiche.

Ora non resta che vedere se le coloratissime fatine faranno davvero fare faville a stelle e strisce al loro creatore.

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here