Home News L’Economist boccia Il Pd

L’Economist boccia Il Pd

0
43

Secondo il settimanale inglese The Economist, la candidatura di Walter Veltroni per la leadership del Pd non ha fatto altro che aumentare il caos e la competizione nella sinistra italiana.

La presenza di Veltroni ha peggiorato il problema che la nascita del Pd doveva invece risolvere: le divisioni interne e la mancanza di chiarezza ideologica.

Inoltre, l’Economist ritiene che la popolarità del sindaco di Roma rischia di diminuire in futuro. La rivista ricorda che anche Romano Prodi era popolare al tempo delle primarie dell’ottobre 2005, ma ha poi perso il consenso della maggior parte degli italiani.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here