Home News Letta, allarme lavoro. Vertice Ue a Roma “format” contro disoccupazione

Tutte le News

Letta, allarme lavoro. Vertice Ue a Roma “format” contro disoccupazione

0
70

"Non abbiamo più tempo," dice il Presidente del Consiglio, "dobbiamo agire subito contro la disoccupazione giovanile". Letta, accompagnato dai ministri Giovannini e Saccomanni, interviene al vertice con i ministri europei del lavoro e delle finanze di Italia, Francia, Germania, Spagna, che si è tenuto a Palazzo Chigi. Presenti i francesi Michel Sapin e Pierre Moscovici, i tedeschi Ursula Von der Leyen e Wolfgang Schauble, gli spagnoli Luis de Guindos Jurado e Maria Fatima Banez Garcia. "Credo che sia l'orgoglio di tutti noi essere riusciti a far sì che Roma oggi sia un po' la capitale della lotta degli europei a favore del lavoro e per i giovani". "Non è più tollerabile sentire altri discorsi", ha sottolineato il premier italiano, convinto della importanza di vertici come questo per farne un format che affronti pragmaticamente la questione della occupazione in Europa. "Questa è la chiave per affrontare la lotta alla disoccupazione in Europa e il cuore di come l'Ue deve rispondere alla crisi è un altro passo che il governo italiano fa in attesa dell'importante vertice di Bruxelles previsto a giugno". Il Lavoro al primo posto insieme ai giovani, ma anche il completamento della unione bancaria, gli interventi della Banca europea degli Investimenti (Bei), ma l'importante è che ci siano "fatti concreti, non parole". "Oggi a Roma si riuniscono i ministri del Lavoro e delle Finanze di 4 importanti Paesi della zona euro," ha detto il Presidente Napolitano, "una iniziativa molto intelligente. Le idee ci sono, ma è chi tiene i cordoni della borsa a dover scegliere". Letta ha fatto sapere che sabato avrà un colloquio telefonico con il presidente del Consiglio europeo, Van Rompuy, per informarlo sull'esito del vertice di oggi. Il governo italiano, inoltre, è pronto a presentare un piano nazionale per combattere la disoccupazione giovanile.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here