Home News L’Europa ha fame di “metalli rari”. Il problema è che si trovano in Cina

Risorse per il futuro

L’Europa ha fame di “metalli rari”. Il problema è che si trovano in Cina

3
3

Mentre in questi giorni ci stiamo rovinando il fegato per la non brillante prestazione della Nazionale, sollevati soltanto dalla farsa che si sta svolgendo in casa dei nostri non amati cugini transalpini, è sfuggito agli occhi dei più il segnale di allarme che arriva da Bruxelles a proposito del controllo mondiale dei materiali vitali per lo sviluppo delle tecnologie avanzate. Telefonini, fibre ottiche, batterie, pannelli solari, leghe particolari, per citare solo alcuni dei prodotti più diffusi e tecnologicamente avanzati, dipendono, per la loro fabbricazione, dalla disponibilità di metalli rari come le terre rare, il gallio, il germanio, il litio, il niobio e così via.

Ora il problema è che la stragrande maggioranza di questi prodotti vitali per i prodotti di alta tecnologia è reperibile nel sottosuolo di un numero ridotto di paesi, in primis la Cina. La Commissione Europea ha pubblicato un rapporto nel quale pone l’accento sul “rischio a venire” per quattordici elementi, definiti critici, la cui estrazione è concentrata in larghissima maggioranza in soli otto paesi con la Cina baciata dalla fortuna. Infatti il suo sottosuolo contiene, rispetto alle risorse mondiali, il 95% di terre rare (elemento base per le nanotecnologie, le lampade a basso consumo, i motori ibridi), lo 87% di antimonio (usato per i semiconduttori), lo 84% di tungsteno (necessario nelle leghe avanzate), lo 83% di gallio (base delle celle fotovoltaiche), 79% di germanio (base delle fibre ottiche), il 60% di indio (usato nelle celle fotovoltaiche) ed il 51% di fluorina (elemento base nella metallurgia).

Con queste percentuali la Cina schiaccia gli altri sette fortunati, USA, Russia, Repubblica Democratica del Congo, Cile, Brasile, Sud Africa e Australia caratterizzati ciascuno dalla presenza di un solo materiale critico; nell’ordine: molibdeno 60% ( semiconduttori), palladio 60% (catalizzatori), cobalto 36% (pile a combustibile), litio 60% (batterie), niobio 90% (resistenza delle leghe metalliche), platino 77%, (svariate applicazioni), titanio 42% (svariate applicazioni). La situazione poi riveste aspetti ancora più preoccupanti: da una parte il Governo di Pechino è divenuto da tempo un grande consumatore di questi preziosi elementi a causa della sua corsa violenta verso lo sviluppo tecnologico e la competizione con Russia, Giappone e per ultimi gli USA. Dall’altra parte l’Europa è totalmente dipendente in termini di importazione perché priva della maggioranza di questi prodotti di base e con l’aggravante che non possiede nemmeno una delle dieci maggiori aziende minerarie mondiali che gestiscono l’estrazioni di questi minerali.

La situazione è divenuta ancora più delicata perché il Governo cinese, dai primi di giugno, ha nazionalizzato tutta l’attività estrattiva di questi materiali critici adducendo la scusa che apparentemente l’estrazione delle terre rare avveniva in maniera fraudolenta. In effetti, l’idea che circola nei mercati è semplicemente quella di avere il controllo completo delle risorse e, quindi, di poter negoziare il prezzo più alto possibile nel mercato internazionale. Se saranno mantenuti gli attuali tassi di crescita dei consumi a livello mondiale, i rischi si cominceranno a fare sentire entro i prossimi venti anni; per questo i paesi più accorti, come gli USA, hanno messo in opera stock strategici per coprire i bisogni della loro industria, e in primis evidentemente quella della difesa.

E l’Europa? Allo stato, mentre si discute del Campionato del Mondo di calcio e si lanciano severi programmi di tagli alle spese statali per cercare di contenere la crisi economica regalataci dagli gnomi della finanza mondiale, affronta il problema come può. In assenza di risorse interne, e sperando che gli accordi di approvvigionamento coi paesi produttori siano mantenuti ed onorati nel tempo, si studiano politiche per intensificare gli sforzi di recupero e di riciclaggio dei materiali critici. L’immagine che ne deriva è un poco quella dei clochards che cernono la spazzatura alla ricerca di un minimo per sopravvivere: fotografia non bella e poco rassicurante per il futuro dei nostri figli.

D'altronde i numeri parlano chiaro e non fanno presagire nulla di buono. Un esempio per tutti: nel 2006 sono state estratte 152 tonnellate di gallio nel mondo a fronte di una richiesta di 28 tonnellate per realizzazioni di alta tecnologia. A sviluppo costante, business as usual come si dice in gergo, nel 2030 la domanda si eleverà a 603 tonnellate, quattro volte la produzione attuale. Siamo sicuri che gli accordi di approvvigionamento dei paesi più oculati saranno ancora rispettati? O si applicherà la legge brutale del mercato, vince chi più pagherà più caro? E la Cina, che ne produce lo 83% , avrà realmente voglia di condividerlo con altri paesi o ne avrà bisogno per sostenere il proprio sviluppo?

Nel frattempo i paesi più svegli si attrezzano e lanciano campagne di prospezione in regioni del mondo geologicamente ancora inesplorate. O poco esplorate. Non a caso un gruppo di geologi statunitensi, coordinati dal Pentagono, hanno recentemente scoperto enormi giacimenti nel sottosuolo afgano: oro, rame e litio; tanto litio da farli parlare di “un’Arabia Saudita del Litio”. Il tutto stimato cautelativamente ad un valore di oltre mille miliardi di dollari, come ha riportato lunedì il New York Times. Tutto non è perduto, forse, e come per il petrolio la fame aguzza l’ingegno e si cercheranno nuove risorse fino allo spasimo. C’è solo da capire: noi europei in questo gioco strategico che faremo? Continueremo ad accapigliarci sulle quote latte o ci beeremo dell’applicazione del trattato di Lisbona, morto prima ancora di essere sottoscritto? Io non la vedo bella la situazione, nemmeno se la Nazionale riuscisse a scapolare verso gli ottavi di finale grazie al fattore C…., visto come stanno giocando!
 

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. è questo un articolo che fa pensare
    simile domanda, meno articolata della sua caro giornalista, me la pongo anche io.
    che facciamo noi?
    quale politica industriale stiamo perseguendo per il futuro dei nostri figli? quale impulso all’innovazione? quale sostegno alla ricerca?
    mahhh…. siamo il paese di pinocchio, ci scanniamo (nemmeno in molti tra l’altro) appunto sulle quote latte, sulle nomine alla rai, su nuovi, inopportuni quanto improbabili ministeri, sulle intercettazioni versus la classe dirigente edulcorando la pillola nasconcendoci dietro il dito del diritto di privacy.
    nel frattempo lasciamo che il mondo riprende a correre e noi stiamo al palo.
    no, dimenticavo, inseguiamo la lega nelle sue follie di mezza estate.
    buona giornata a tutti

  2. La Sua, anche se analisi
    La Sua, anche se analisi molto rispettabile, risente comunque della concezione euro/americocentrica che ha caratterizzato finora la politica economica. Abbiamo sempre considerato, e giustamente, il resto del mondo come satellite su un altro livello. Ora che questi paesi, cina e india in particolare, stanno prendendo il passo iniziamo a fare i conti con la loro forza (territorio e persone) e quindi con le loro potenzialità (la maggior parte degli investimenti cinesi sono in usa – credo un quarto della loro economia -, fortuna loro?). Il problema non è solo il fatto che la Cina detenga molte materie prime, ne detiene molte anche l’africa che per il momento e per molti anni a venire è ancora ampiamente depredabile, ma che tutta l’europa non affronti i problemi cercando di capire cosa può succedere da qui a cinquant’anni, muovendosi come un corpo unico. Si fingono battaglie agli speculatori (che hanno fatto crollare le nostre economie di carta) e si specula a man bassa in borsa come fosse l’ultimo giorno possibile per accaparrarsi una rendita. L’europa è sull’orlo di un baratro, non ricordiamoci dei pigs solo quando cade la grecia perchè la situazione è appesa ad un filo o meglio alla fiducia (!!) che gli speculatori sono disposti a far finta di dare all’euro ed ai vari paesi. Fortunatamente tra di loro ci sono le più grosse banche italiane ed europee oltre alle finanziarie, e, seppur misurino le performance sull’aumento percentuale giornaliero dei loro investimenti, forse si stanno rendendo conto che il crollo dell’euro, nonostante possa essere fonte di enormi guadagni, non vada forzato. Per ciò che riguarda la politica economica, ad essere preoccupati sono in tanti, a trovare soluzioni … Noi manco ci preoccupiamo, ma non solo a livello di governo. Credo che il governo attuale rappresenti gli italiani molto più di quanto si dica, da quando poi le donnine sono permesse, anzi obbligatorie, la maggior parte degli indecisi hanno optato per il partito dell’amore.

  3. Condivido appieno la visione
    Condivido appieno la visione esposta da Idillio e Melissa. E aggiungo, aver spostato la produzione industriale nei paesi come Cina e India, per favorire i grandi industriali, ha condribuito al nostro impoverimento e all’ascesa dei paesi che ora temiamo. E’ un dato di fatto che dall’era della c.d. “Globalizzazione” si facciano i conti con una realtà multipolare e con diversi centri nevralgici di potere. India e Cina insieme fanno quasi un abitante su tre del pianeta, come si pretenderebbe di non fare i conti con la conseguente condivisione del potere? C’è da sperare che non si comportino come noi abbiamo fatto e facciamo ancor oggi, altrimenti sarà ancora più dura…Dobbiamo metterci in testa che cambierà e si abbasserà il ns. stile di vita…

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here