Libia. Condannati 2 svizzeri a 16 mesi di carcere per evasione fiscale

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Libia. Condannati 2 svizzeri a 16 mesi di carcere per evasione fiscale

01 Dicembre 2009

Sono stati condannati oggi a 16 mesi di carcere e a un’ammenda di 2.000 dinari ciascuno (circa 1.100 euro) i due uomini d’affari svizzeri trattenuti in Libia da oltre 15 mesi per evasione fiscale e per irregolarità dei visti. Lo ha reso noto una fonte giudiziaria libica coperta da anonimato.

"I due cittadini svizzeri hanno avuto 16 mesi di carcere e un’ammenda di 2.000 dinari ciascuno", ha dichiarato la fonte, aggiungendo che "hanno il diritto di sporgere appello". Max Goldi (responsabile della filiale del gruppo Abb) e Rachid Hamdami (responsabile di una piccola impresa valdese) erano stati trattenuti in Libia in seguito alla crisi scatenata tra Berna e Tripoli dal breve arresto a Ginevra, nel luglio 2008, di Hannibal Gheddafi, figlio del presidente libico Muammar Gheddafi, accusato insieme alla moglie di maltrattamenti nei confronti di due domestici.

La condanna arriva a 2 giorni dal referendum svizzero che ha vietato la costruzione di minareti nella Confederazione elvetica.