L’interpellanza di Gaetano Quagliariello sul caso Cnr

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

L’interpellanza di Gaetano Quagliariello sul caso Cnr

24 Luglio 2007

INTERPELLANZA URGENTE

Al Presidente del
Consiglio dei Ministri

Premesso che:

– Il Consiglio dei ministri
del 20 luglio ha proceduto ad un’ “infornata” di nomine tra cui, su proposta
del ministro Nicolais, quella dell’attuale Presidente del CNR Fabio Pistella
alla presidenza del Cnipa.

– In tal modo si è liberata
la presidenza del CNR, il nostro maggiore e più prestigioso ente di ricerca.

–  A termini di regolamento
l’uscita di scena del Presidente, per dimissioni o incompatibilità, non
comporta l’automatico scioglimento del Consiglio di Amministrazione dell’Ente.

Considerato che:

–  Secondo il ‘Foglietto’,
organo del sindacato Usi-Rdb e prossimo alla sinistra radicale, ‘si è in attesa
di un commissario al CNR dopo che lo stesso Pistella e almeno tre componenti
del Consiglio di Amministrazione avranno rassegnato le loro dimissioni’.

– Nessun componente del
Consiglio di Amministrazione ha fin qui mai manifestato l’intenzione di
abbandonare un vertice che ha consentito all’Ente successi, attestati in sede
nazionale e internazionale.

– Sempre secondo la
medesima fonte sindacale il Ministro Mussi starebbe sollecitando tali
dimissioni, facendo leva sugli organismi ai quali alcuni consiglieri
appartengono: la Crui (rappresentata da Marcello Fontanesi), la conferenza
Stato-Regioni (Federico Rossi), l’Unioncamere (Vico Valassi) e Confindustria
(Diana Bracco).

Si chiede di sapere:

-Se le notizie diffuse dall’organo sindacale
siano fondate

– In caso
affermativo, se non si ritenga che esse configurino una indebita pressione
lesiva dell’autonomia dell’Ente garantita dalla Costituzione.

– Cosa la
presidenza del Consiglio intenda fare per tutelare l’autonomia dell’Ente e, con
esso il prestigio dell’Italia in campo scientifico.

– In
particolare, se il Governo intenda procedere celermente alla nomina di un nuovo
Presidente evitando così ambigue procedure e forme di indebito commissariamento.

Sen.
Gaetano QUAGLIARIELLO