Home News Lo Statuto della discordia nel Pd

Lo Statuto della discordia nel Pd

0
76

“La campagna elettorale di Epifani: lo statuto dei lavoratori va lasciato così com’è” Dice un titolo dell’Unità (7 marzo) E’ meraviglioso votare il Pd: i parlamentari di Epifani, Passoni e Nerozzi, difenderanno l’articolo 18 “così com’è”, mentre Ichino e Calearo si impegneranno a cambiarlo

“Bisogna saperli leggere i sondaggi” Dice un corsivo di Europa (7 marzo) Certo, finché Veltroni leggi i grafici al contrario e crede di stare vincendo, non si va molto avanti

 “Comincio la mia campagna elettorale da Pompei” Dice Massimo D’Alema al Corriere della Sera (7 marzo) Pompei, uno dei pochi luoghi in Campania dove qualche secolo fa sono stati accumulati più rifiuti di quelli che Bassolino è riuscito a mettere insieme in quindici anni di leadership regionale

“La questione del potere, del suo esercizio, del suo prestigio è sempre una questione di dosaggio fra un colpo volgare e un corpo etereo” Dice Bernard-Henri Lévy sul Corriere della Sera (7 marzo) Qualche problema nasce quando tra il corpo volgare e quello etereo di Sarkozy ci metti di mezzo il corpo di quella strafica della Bruni

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here