M.O. Governo israeliano: “Su Gaza non avevamo scelta”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

M.O. Governo israeliano: “Su Gaza non avevamo scelta”

20 Settembre 2007

Israele “non aveva altra scelta” quando ha deciso di
dichiarare la striscia di Gaza controllata dagli uomini di Hamas “entità nemica”.
Infatti, “o lanci un’offensiva militare, oppure intraprendi altri passi”, ha spiegato
Amos Gilad, direttore politico del ministero della Difesa dello Stato ebraico.

E l’alternativa all’offensiva militare sono la riduzione
delle forniture di carburante ed energia elettrica preannunciate da Israele. Ma
la soluzione è inevitabilmente incorsa nelle critiche dell’Anp, dell’Onu e
delle organizzazioni per i diritti umani.

“C’è una situazione illogica in cui forniamo il petrolio e
l’elettricità che gli servono per fabbricare i razzi e le rampe per lanciarli.
Non tagliamo le forniture elettriche, ci limitiamo ad assumere passi
proporzionali in una situazione assurda in cui stiamo aiutando Hamas ad
affermare il suo potere” ha concluso Gilad.