M5S, alleanze Ue. Per decidersi ci si affida alla Rete

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

M5S, alleanze Ue. Per decidersi ci si affida alla Rete

06 Giugno 2014

Alleanze in Europa e "rimpasto" nella comunicazione sono le due novità della settimana M5S, al centro della riunione avvenuta a Milano con il fondatore del Movimento, Casaleggio. Da una parte si apprende che sarà la rete, il web, a decidere delle alleanze pentastellate al parlamento europeo: nel listino cala l’ipotesi di fare gruppo con i Verdi mentre si discute ancora della opportunità di allearsi con Nigel Farage. Presensti alla riunione Giuseppe Brescia e Maurizio Buccarella, capogruppo alla Camera e al Senato. "Gli attivisti del Movimento 5 Stelle saranno chiamati entro fine giugno a dire la loro sulle alleanze in Europa sul blog", spiega Buccarella, che aggiunge, "se non ci sarà alcuna alternativa M5s entrerà nel gruppo dei non iscritt", giudicandolo un "vero peccato". Secondo indiscrezioni M5S dialoga anche con i conservatori e riformisti inglesi. Sul fronte comunicazione, piccolo rimpasto negli organigrammi pentastellati. Claudio Messora a capo della squadra europea, Nicola Biondo confermato capo comunicazione per il M5S alla Camera dei deputati, che sarà affiancato da Ilaria Loquenzi. Rocco Casalino diventa capo comunicazione al Senato. Obiettivo: mostrarsi una forza più moderata nei toni.