Ma chi l’ha detto che Renzi ha la vittoria in tasca?

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ma chi l’ha detto che Renzi ha la vittoria in tasca?

14 Novembre 2013

Tutti danno per scontata o quasi la vittoria di Renzi alle prossime elezioni. Renzi però si ispira a Blair, pur essendo finita l’epoca della "swinging london". Gli inglesi di oggi sono abbastanza infuriati con il vecchio Blair, per aver aperto le porte alla immigrazione e sognato di creare una Gran Bretagna multietnica e multiculturale con il risultato che, arrivata la Grande Crisi, i disoccupati, nativi e delle prime generazioni di immigrati, sono aumentati. E anche il conservatore moderato Cameron adesso deve fare i conti con le destre alla Farage. Per non dire di Hollande in Francia, che avrebbe dovuto fare da apriprista a chissà quale valanga socialista in Europa, e che invece attualmente vede il suo consenso ai minimi, il 15/20 per cento, con le agenze di rating che stringono Parigi alla cavezza. Ora, se i partiti socialisti di Francia e Gran Bretagna annaspano, e in Germania perdono, perché mai Renzi dovrebbe vincere con tutta questa sicurezza in Italia?