Mafia. Quagliariello: “Piena solidarietà a Vizzini”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Mafia. Quagliariello: “Piena solidarietà a Vizzini”

03 Gennaio 2011

"L’instancabile azione di contrasto che sta piegando la criminalità organizzata dà fastidio e i tentativi di intimidazione ne sono la conferma evidente". Lo dice Gaetano Quagliariello, vicecapogruppo vicario del Pdl al Senato.

"Al collega Carlo Vizzini piena solidarietà – aggiunge Quagliariello – nella convinzione che nessun vigliacco riuscirà a fiaccare la determinazione sua e dell’intera maggioranza nella lotta alla mafia".

Intimidazioni, probabilmente di origine mafiosa, per il senatore Carlo Vizzini (Pdl). Un collaboratore del senatore, l’ex poliziotto Vito Onesti, è stato infatti minacciato mentre faceva jogging nel parco della Favorita, nei pressi di viale Ercole, a Palermo. Due persone a bordo di uno scooter, con il volto coperto da un casco, lo hanno affiancato, gridandogli "pezzo di sbirro, scipperemo la testa a te ed a quel pezzo di m… di Vizzini". Onesti, tra l’altro, è uno dei collaboratori di Mafiacontro, l’associazione che nei giorni scorsi ha affisso adesivi contro il pizzo sui muri delle case di Palermo, invitando i commercianti a ribellarsi al racket delle estorsioni. Onesti ha poi denunciato il fatto alla polizia.

"Pensano di intimidirci perchè colpiamo nel segno e combattiamo la mafia in ogni sua articolazione" ha subito dichiarato Vizzini, presidente della commissione Affari costituzionali, in seguito alle minacce ricevute. "Non solo non ci fermeremo – ha aggiunto Vizzini – ma andremo avanti e dalla riapertura del Senato si discuteranno le nuove norme sulle estorsioni, il riciclaggio e l’intensificazione della lotta alla mafia. La nostra strategia non cambia, ‘poveri ed in galera’ è e resta il destino di tutti i mafiosi".