Maroni: elezioni subito se tutti d’accordo

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Maroni: elezioni subito se tutti d’accordo

26 Gennaio 2010

Su elezioni anticipate a Bologna "sono disponibile ad un provvedimento d’urgenza, ma voglio consenso di tutte le parti politiche". Lo ha detto il ministro degli Interni, Roberto Maroni, a Prato. In questo modo, dopo la decisione di Delbono di dimettersi, si può evitare il rischio di un anno di commissariamento.

Secondo il ministro "non c’è discrezionalità, ma una legge che prevede tempi precisi. Il termine ultimo per votare il 28 marzo è scaduto il 21 gennaio ma non mi risulta che a tutt’oggi le dimissioni siano state formalizzate".

"So che qualcuno ha chiesto un provvedimento d’urgenza come quello che è stato fatto per esempio all’Aquila – conclude Maroni – Non sono contrario ma prima è necessario che siano formalizzate le dimissioni. Ripeto: sono disponibile ad un provvedimento d’urgenza ma in un cosa così delicata voglio il consenso di tutte le parti politiche".